Museo della Battaglia: ingressi record per la fine del Centenario

Nel fine settimana del 4 novembre sono stati tantissimi i visitatori che si sono messi in coda per ammirare i cimeli del museo vittoriese. Molto soddisfatta l'amministrazione comunale

La giornata conclusiva del Centenario ha fatto registrare il tutto esaurito al Museo della Battaglia. La ricorrenza del 4 novembre ha portato a Vittorio Veneto moltissimi visitatori che - come sottolinea l’assessore alla cultura Antonella Uliana – «hanno dimostrato di apprezzare in modo particolare anche l’offerta culturale legata alla storia, affollando le sale del Museo della Battaglia per approfittare degli eventi che vi sono ospitati».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel corso del fine settimana che ha visto il coronamento del programma di attività legate alle commemorazioni del Centenario, l’apertura straordinaria del museo con orario continuo e ingresso gratuito, ha fatto registrare più di 1.000 accessi tra turisti e famiglie che, continua l’Assessore Uliana, «oltre alle collezioni stabili, hanno molto gradito anche la preziosa mostra di harmonium da campo originali della Prima e Seconda Guerra Mondiale - allestita nella Sala del Maggior Consiglio -, il filmato con le toccanti stereoscopie tridimensionali del Fondo Marzocchi - proiettato in loop nella Chiesa di San Paoletto -,  e il Memoriale dei Cavalieri di Vittorio Veneto che, come sempre, ha riscosso interesse e commozione». I numeri registrati in questi giorni al Museo della Battaglia, conclude Uliana, «fanno il paio con quelli della mostra “Res Bellica. La prima guerra totale della storia” dedicata al conflitto del 14-18 che è attualmente in corso a Palazzo Todesco. Grazie anche al costante impegno delle Associazioni d’Arma vittoriesi, che si sono alternate in questi mesi nel servizio di guardia al palazzo, “Res Bellica” ha fatto registrare anche punte di quasi 500 visitatori nel corso di alcuni dei fine settimana di apertura. Si tratta senza dubbio di un ottimo risultato».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il Friuli Venezia Giulia la regione che resta di più a casa

  • Supermercato troppo affollato, scatta la chiusura per cinque giorni

  • Coronavirus nella Marca: ecco la mappa del contagio comune per comune

  • Coronavirus: ancora in aumento il numero dei contagi nella Marca

  • Coronavirus: sette morti nella Marca, cinquanta in terapia intensiva

  • «Prima smaltite ferie e permessi». Negata la cassa integrazione al Solnidò di Villorba

Torna su
TrevisoToday è in caricamento