Mogliano: approvato il progetto per riqualificare il centro sociale

Nelle scorse l'ore l'amministrazione comunale ha approvato il progetto che in 60 giorni dovrebbe rimettere a nuovo la sala polivalente del centro. Un intervento da 180 mila euro

Una sala davvero polivalente attrezzata per poter ospitare conferenze, rappresentazioni, eventi musicali, mostre, con impianti luci, audio e video al passo con i tempi. La Giunta comunale nella sua ultima seduta ha approvato il progetto di riqualificazione della sala al piano superiore del Centro Sociale di Piazza Donatori di Sangue.

«Questa sala nel corso della sua vita ha ospitato eventi di ogni genere istituzionali, di associazioni del territorio, vi si è sviluppato parte del dibattito politico della nostra città e la sua importanza è indiscussa. E’ stata molto utilizzata ed è evidente che da tempo aveva davvero bisogno di una complessiva riqualificazione. Abbiamo deciso di farlo e individuato soluzioni che ne permetteranno un utilizzo multi funzionale e in sicurezza», ha commentato il sindaco Carola Arena. Uno dei punti di forza della riqualificazione sarà il nuovo palco, che sarà costituito da elementi modulari rimovibili, in modo da garantire la possibilità di utilizzare la sala anche togliendolo. Il nuovo palco avrà dimensioni importanti tali da garantire la possibilità di effettuare rappresentazioni teatrali. Inoltre saranno installati tendaggi, caratterizzati da un'adeguata reazione al fuoco, atti a permettere anche rappresentazioni teatrali, contribuendo al miglioramento della percezione acustica in sala. Sono anche previsti pannelli da utilizzare per esposizioni.

Il nuovo impianto audio prevede una ciabatta mobile per microfoni da collocare nella zona del palco, un convertitore analogico digitale, un mixer, quattro casse amplificate, montate a livello del palco e centro sala, due subwoofer amplificati alle estremità del palco e due casse monitor. Sarà rinnovato anche l’impianto video con la possibilità di inviare il segnale degli strumenti fonte delle immagini al proiettore a soffitto che avrà un ricevitore in grado di convertire il segnale da digitale a standard Hdmi. Sono previste anche luci di scena, costituite da sei faretti Led del tipo RGB e da una sfera a testa mobile sempre di tipo Led Rgb, il tutto installato su una americana a soffitto lunga 9 metri, con un controllo luci posto nel locale tecnico. «Prevediamo che ii lavori possano essere avviati a gennaio dopo l’epifania e la ditta che si aggiudicherà l’appalto avrà sessanta giorni di tempo per la loro realizzazione, con un costo per l’amministrazione di circa 180 mila euro», afferma l’assessore ai lavori pubblici Filippo Catuzzato. Il progetto approvato prevede, inoltre, alcuni interventi sulla struttura, quali la stuccatura e la lucidatura del pavimento e la tinteggiatura delle pareti e del soffitto della sala, dei locali accessori, del vano scale e dell’ingresso. L'impianto elettrico esistente sarà leggermente modificato in modo da essere conforme alla normativa vigente, ed in particolare è prevista la sostituzione dei corpi illuminanti tradizionali con analoghi a Led, che consentiranno un notevole risparmio energetico, e diversi corpi illuminanti saranno provvisti di batterie autonome in modo da garantire l’illuminazione prevista per legge anche in assenza di corrente elettrica.

Potrebbe interessarti

  • Crisi cardiaca alla festa di nozze: bimbo di un mese perde la vita

  • Malattia incurabile: papà trevigiano muore a soli 38 anni

  • Lega, è partita la corsa alla poltrona di Zaia

  • Vesuvio a rischio eruzione: il Veneto potrebbe ospitare i napoletani sfollati

I più letti della settimana

  • Astronave aliena atterra a Ca' Tron: il video fa il giro del web

  • Tragedia sul Piave, si tuffa in acqua e viene trascinato via dalla corrente

  • Crisi cardiaca alla festa di nozze: bimbo di un mese perde la vita

  • Travolto da un'auto mentre cammina a bordo strada, muore un 67enne

  • Si schianta con la bici contro un'auto sul Montello, 41enne in coma

  • Semina il panico in città, poi punge con una siringa un carabiniere

Torna su
TrevisoToday è in caricamento