Nuova illuminazione per Fonte: arrivano 600 lampioni a led

Al via i lavori per la sostituzione della vecchia illuminazione pubblica con nuovi lampioni che porteranno ad un risparmio di ben 39mila euro annui e a minori consumi energetici

Il Comune di Fonte ha messo in moto la macchina che porterà ad un risparmio previsto dei costi di consumo di energia elettrica di circa 39mila euro annui, pari al 40% delle spese attualmente sostenute per l’illuminazione pubblica del territorio comunale, attraverso un piano di efficentamento energetico e funzionale della rete di pubblica illuminazione.

Sulla scia delle direttive del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare stabilite attraverso il Piano d’azione per la sostenibilità ambientale dei consumi nel Settore della Pubblica Amministrazione, sono iniziati sul territorio comunale i lavori che vedranno la sostituzione di circa 600 punti luce con apparecchiature a led finalizzate sia al risparmio energetico che al contenimento dell’inquinamento luminoso. L’adozione del protocollo Dali (Digital Addressable Lighting Interface), ideato per il controllo digitale dell’illuminazione, garantirà inoltre una serie di vantaggi che spaziano dalla semplicità di installazione, alla modalità di gestione comoda ed intelligente garantendo purtuttavia prestazioni sofisticate. Ai vantaggi tecnici di ordine gestionale di tale sistema si sommano quelli derivanti dalla contrazione dei costi energetici, dal miglioramento della qualità d’illuminazione che influiscono sulla sicurezza stradale, dalla riduzione di Co2 fino a quelli di gestione e manutenzione, grazie alla gestione automatica dell’intero impianto, riducendo al massimo l’intervento manuale. L’importo per l’intero intervento di 380mila euro, reperito attraverso fondi propri, derivati da somme in avanzo di amministrazione per l’anno 2018 (secondo circolare del Ministero delle Finanze n. 25 del 3.10.2018) e per 100mila euro finanziati da un contributo regionale, verranno interamente recuperate, secondo le stime di risparmio annuo, in meno 10 anni. Tali stime si basano sul calcolo dei costi di consumo, senza considerare il risparmio derivato da un miglioramento in termini economici dei costi di gestione e manutenzione. Si tratta quindi di un capitolo di spesa che il Comune di Fonte di è prefisso di ridurre drasticamente, garantendo una somma non indifferente da dedicare a progetti di altra natura, magari su fronti che spesso, come il sociale, l’istruzione e la cultura dispongono di risorse sempre più depauperate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata cadavere Rosanna Sapori, giornalista «scomoda» del Nordest

  • Tragedia da "Ciao bei": aiuto cuoco muore per un malore

  • Malore improvviso in casa porta via alla vita Irene, 46enne madre di famiglia

  • Cadavere affiora dal Monticano, è il corpo di Marco Dal Ben

  • Detrazioni fiscali: tracciabilità obbligatoria per le spese del 2020

  • Movida trevigiana sotto controllo: stangato un locale etnico con all'interno 25 pregiudicati

Torna su
TrevisoToday è in caricamento