Fiume Piave, nuovi lavori in arrivo per limitare i danni delle ondate di piena

La Regione ha presentato due importanti interventi del valore di oltre 1,6 milioni di euro per sistemare l'alveo del fiume sacro alla Patria. Interessati molti comuni trevigiani

Sono stati affidati nei giorni scorsi due ulteriori lavori di difesa idrogeologica nel tratto del medio Piave che coinvolge diversi comuni della provincia di Treviso. 

Il primo progetto prevede la sistemazione dell’alveo, delle sponde e delle strutture arginali al fine di garantirne la piena funzionalità in occasione dei fenomeni di piena e coinvolgerà principalmente aree inerenti i comuni di Breda, Cimadolmo, Maserada, Nervesa della Battaglia, Ponte di Piave, Salgareda, San Biagio di Callalta, Spresiano, Susegana e Zenson. «I lavori previsti, per i quali abbiamo impegnato 500mila euro – dettaglia l’assessore regionale alla Difesa del Suolo Gianpaolo Bottacin - consistono innanzitutto nel taglio della vegetazione infestante lungo le sponde e i petti arginali, la rimozione delle piante abbattutesi in alveo o prossime allo schianto, il ripristino di opere di difesa danneggiate e la sistemazione dei manufatti di interclusione idraulica, le cosiddette chiaviche». I lavori, per i quali saranno allestiti diversi cantieri, proseguiranno durante tutto il corso dell’anno.

TV_849_01-2

L’altro intervento è invece inerente il secondo stralcio di un’opera che riguarda circa 2,3 km di fiume: “appena completata la prima parte dei lavori giunti quasi al 90% – specifica Bottacin -, che hanno  registrato un lieve ritardo a causa del maltempo dello scorso autunno e per i quali avevamo già investito 1,2 milioni di euro, con l’avvio della primavera proseguiremo in continuità anche con la seconda fase che interesserà particolarmente Ponte di Piave, ma che coinvolgerà anche i comuni di Zenson, San Biagio e Salgareda. In questo caso le risorse ulteriormente stanziate sono di 1,1 milioni di euro». Previsti, nello specifico, il taglio delle alberature, la movimentazione del materiale litoide (circa 63.000 mc) che si è accumulato nell’alveo, con l’eliminazione di due isolotti formati da detriti e vegetazione e il rafforzamento delle opere di difesa idraulica con ripristino di tratti in frana mediante la realizzazione di nuove protezioni di sponda. La durata stimata per questi lavori è di 240 giorni. “Per l’amministrazione Zaia la sicurezza idraulica ha valore prioritario – conclude Bottacin – tant'è che continuiamo a investire importanti risorse per dare massima attuazione a quel piano generale da quasi tre miliardi di euro, che abbiamo predisposto con la supervisione del professor D’Alpaos, e di cui in questi anni abbiamo già completato o avviato centinaia di interventi per circa 900 milioni di euro”.

Potrebbe interessarti

  • Malattia incurabile: il sorriso di Antonella si spegne a 50 anni

  • Bambina di tre anni "dimenticata" all'interno di uno scuolabus

  • Malattia incurabile: morto il titolare della pizzeria "Da Gennaro"

  • Ciclismo trevigiano in lutto: Christian Cigaia perde la vita a soli 47 anni

I più letti della settimana

  • Spaventoso rogo in una autodemolizione, a Fiera torna l'incubo

  • Schianto frontale tra camion e auto sulla Postumia, muore 60enne

  • «Lo ha fatto apposta, ha sterzato di colpo contro l'altra macchina»

  • Carambola tra cinque auto e un camion sulla Feltrina, quattro feriti

  • Malattia incurabile: il sorriso di Antonella si spegne a 50 anni

  • L'addio a "Pina", il marito: «Farò di tutto perché sia fatta giustizia»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento