Rivoluzione parcheggi: cambia la sosta dietro la stazione dei treni

Il Comune di Treviso ha annunciato importanti novità per gli stalli sul retro della stazione. Modifiche ai posti auto lungo il Terraglio e vicino al cavalcavia come chiesto dai residenti

Il Comune di Treviso rivoluziona la sosta sul retro della stazione dei treni. Un'area presa d'assalto ogni giorno da centinaia di lavoratori e pendolari che utilizzano gli stalli gratuiti per lasciare la macchina a tutte le ore del giorno.

Come riportato da "Il Corriere del Veneto", per garantire un migliore utilizzo dei posti auto tra il cavalcavia della stazione e via Saccardo saranno ricavati 11 parcheggi a disco orario da 60 minuti, uno stallo per il carico e scarico merci da 20 minuti e un parcheggio per disabili. Tra via Vittorino da Feltre e via Castaldi, arriveranno 6 parcheggi a disco orario da 60 minuti, 7 stalli per motocicli, uno carico e scarico merci da 20 minuti e uno dedicato ai disabili. Resteranno invariati invece i posti auto gratuiti lungo via Enrico Dandolo, presa d'assalto ogni mattina da viaggiatori e pendolari. La modifica degli stalli lungo il cavalcavia della stazione viene incontro alle richieste di residenti e negozianti della zona ed entrerà in vigore a partire già dai prossimi giorni.

Potrebbe interessarti

  • Malattia incurabile: direttore dell'Interspar perde la vita a 41 anni

  • Trascinate dalla corrente: due sorelle rischiano di annegare nel Piave

  • Tumore incurabile, il sorriso di Tiziana si spegne a soli 44 anni

  • Cane abbandonato sotto il ponte di Segusino: trovato il proprietario

I più letti della settimana

  • Morto in mare a Jesolo: indagati due bagnini

  • Autostar vende a prezzo ridotto le auto danneggiate dal maltempo

  • Jesolo: trovato senza vita il ragazzo disperso in mare

  • Gita in pedalò, entra in acqua e non riemerge: disperso un 23enne

  • Trascinate dalla corrente: due sorelle rischiano di annegare nel Piave

  • Malore improvviso alla guida, auto si ribalta: marito e moglie in ospedale

Torna su
TrevisoToday è in caricamento