Pina Moffa è il nuovo comandante della polizia locale di Castelfranco

Due lauree e due Master all'Università di Padova, il nuovo Comandante in 17 anni di attività ha percorso i diversi gradi della scala gerarchica fino alla guida della polizia castellana

CASTELFRANCO VENETO La dottoressa Pina Moffa è il nuovo comandante della polizia municipale di Castelfranco Veneto. Dopo Laura Lorenzetto sarà dunque un'altra donna a prendere in mano le redini del Comando di via Avenale. Mercoledì mattina è avvenuto l’incontro con il sindaco, Stefano Marcon per avviare tutti i passaggi formali.

"Ringrazio il comandate uscente Lorenzetto per tutti questi anni di servizio a Castelfranco – ha dichiarato il sindaco – e con piacere accolgo ed auguro un buon lavoro alla dottoressa Moffa, potremo dire per lei una promozione sul campo. Persona preparata, professionale e ben attenta riguardo le problematiche del nostro territorio che son certo saprà guidare al meglio il Comando soprattutto nel percorso che ci sta conducendo alla nascita del più grande distretto di polizia locale della nostra provincia, con il coinvolgimento dei comuni dell’Unione Marca occidentale, di Altivole e Castelfranco".

La dottoressa Pina Moffa ha iniziato il servizio alla polizia locale castellana nel 2001 con il grado di agente. Due lauree e due Master conseguiti all’Università di Padova, in 17 anni di attività ha percorso i diversi gradi della scala gerarchica passando da vice ispettore ad ispettore, vice commissario e commissario. Tra le varie mansioni svolte, la dottoressa Moffa si è occupata di polizia amministrativa, di polizia giudiziaria e della gestione operativa ed assume il ruolo di comandante della Polizia Locale di Castelfranco Veneto che conta attualmente di 12 agenti. Due assunzioni sono previste nei prossimi mesi mentre è da definire il ruolo di vice comandante. "Ringrazio l’amministrazione – commenta il nuovo comandate Moffa – per la fiducia ricevuta e posso assicurare la piena disponibilità ed il massimo impegno per seguire l’incarico ricevuto consapevole delle responsabilità che mi spettano. Porrò al centro della mia azione l’attenzione e dialogo con l’amministrazione, con i cittadini e l’intero territorio che ho potuto conoscere in questi anni a livello di contesto sociale ed economico".

Potrebbe interessarti

  • Malattia incurabile: il sorriso di Antonella si spegne a 50 anni

  • Malattia incurabile: papà trevigiano muore a soli 38 anni

  • Bambina di tre anni "dimenticata" all'interno di uno scuolabus

  • Malattia incurabile: morto il titolare della pizzeria "Da Gennaro"

I più letti della settimana

  • Spaventoso rogo in una autodemolizione, a Fiera torna l'incubo

  • «Lo ha fatto apposta, ha sterzato di colpo contro l'altra macchina»

  • Carambola tra cinque auto e un camion sulla Feltrina, quattro feriti

  • Malattia incurabile: il sorriso di Antonella si spegne a 50 anni

  • L'addio a "Pina", il marito: «Farò di tutto perché sia fatta giustizia»

  • Scontro tra camion e un'auto, gravissima una 55enne

Torna su
TrevisoToday è in caricamento