Tubercolosi in una scuola primaria, avviate terapie per una seconda maestra

A scopo di massima precauzione, visti i precedenti casi, è stato deciso, per la docente, l’avvio della terapia specifica a domicilio. Continuano a migliorare, intanto, le condizioni sia del bimbo che della prima maestra, tuttora ricoverata al Ca’ Foncello

Il test di Mantoux

Proseguono, da parte dell’Ulss 2, le attività di approfondimento diagnostico nei confronti di alunni e personale della scuola primaria dell’opitergino mottense, dove si sono manifestati due casi di tubercolosi a carico, rispettivamente, di un bambino e di una maestra. I test di approfondimento microbiologico in corso per le persone risultate positive ai primi accertamenti, hanno evidenziato una debole positività nella ricerca del bacillo di Koch per una  seconda maestra che insegna nella classe interessata dall’evento. A scopo di massima precauzione, visti  i precedenti casi, è stato deciso, per la docente, l’avvio della terapia specifica a domicilio. Continuano a migliorare, intanto, le condizioni sia del bimbo che della prima maestra, tuttora ricoverata al Ca’ Foncello.

Sugli ultimi risultati dei controlli in corso il Servizio di Igiene e Sanità Pubblica ha aggiornato, stamane, le autorità scolastiche e il sindaco, autorità con le quali è stato deciso di convocare, lunedì prossimo,  un incontro rivolto a genitori e  personale della scuola. All’incontro interverranno gli specialisti dell’Ulss 2 che forniranno tutte le informazioni tecnico scientifiche sulla tubercolosi e sull’evento in corso, rispondendo agli eventuali quesiti.  Questi i prossimi step operativi, nell’ambito degli accertamenti in corso.

Venerdì 15 il Servizio Igiene e Sanità Pubblica procederà alla lettura delle Mantoux eseguite a 44 operatori della scuola e ad altri 24 bambini seguiti dalla maestra ricoverata; nella stessa giornata verranno eseguite le Mantoux agli operatori della scuola primaria che non l’hanno eseguita il 12;

Lunedì 18 marzo inizierà l'esecuzione delle Mantoux agli altri circa 400 bambini frequentanti la scuola (metà Mantoux verranno eseguite lunedì e metà martedì).

Tutti i soggetti positivi alla Mantoux seguiranno il percorso di approfondimento ordinario che prevede, in prima battuta, la radiografia del torace; I soggetti con radiografia necessitante approfondimento saranno presi in carico dagli specialisti competenti per le diverse età (pediatri, infettivologi, pneumologi etc). Si ricorda che, per qualsiasi eventuale dubbio da parte di persone che frequentano la primaria dell’opitergino mottense, è attivo un call center dedicato, dal lunedì al venerdì, dalle ore 14.00 alle ore 16.00. Il numero telefonico da contattare è lo 0422.323888, numero al quale risponde un operatore qualificato del Servizio Igiene e Sanità Pubblica.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Rapina lampo alla Coop di Mogliano: due uomini armati si fanno consegnare l'incasso

  • Cronaca

    Sequestrato un canile abusivo a San Zenone degli Ezzelini: segnalato un 42enne

  • Cronaca

    Si schianta in discesa contro un auto: ciclista 50enne grave all'ospedale

  • Cronaca

    Fermato il pusher "dei giovani" a Castelfranco: in tasca aveva marijuana, hashish ed ecstasy

I più letti della settimana

  • Vendono arance fingendosi amici dei passanti ma è tutta una truffa

  • Bollette del gas alle stelle: sotto accusa i nuovi contatori

  • Schiacciato da una lastra in acciaio: operaio muore in azienda a 25 anni

  • Sovraffollato e senza licenza per la disco: "Salotto mondano" stangato

  • Prenota una stanza in hotel, poi si spara. Accanto al corpo la pistola e un ultimo biglietto

  • Una rara forma di embolia, così la mamma è morta dopo il parto

Torna su
TrevisoToday è in caricamento