Tomasi ordinato nuovo vescovo di Treviso: porterà in città una reliquia anti-nazi

“Vengo presto, portando tutto me stesso, desideroso di camminare insieme”. Con lui avrà una vertebra del beato Mayr–Nusser, martire altoatesino che disse no al nazifascismo

Credit www.diocesitn.it

Nella giornata di sabato, per la terza volta negli ultimi dieci ann, la città di Bressanone (BZ) ha vissuto un’ordinazione episcopale. Se nel 2008 era stato mons. Karl Golser e nel 2011 l’attuale vescovo mons. Ivo Muser, questa volta è toccato al bolzanino mons. Michele Tomasi, 54enne laureato in economia e teologia, ordinato nuovo vescovo di Treviso in un Duomo cittadino colmo di fedeli.

In una solenne celebrazione con oltre 230 preti presenti, di cui molti provenienti dalla Marca trevigiana, ben 17 vescovi gli hanno imposto le mani sul capo, fra i quali alcuni del Triveneto, alcuni missionari, l’arcivescovo emerito di Trento mons. Luigi Bressan e l’arcivescovo mons. Lauro Tisi che presiedeva la liturgia accanto a Muser e al vescovo emerito di Treviso, mons. Franco Agostino Gardin. Mons. Tomasi si è rivolto a mons. Tisi con parole di ringraziamenti: “Ho potuto collaborare con lui in modo franco e concreto nei precedenti incarichi diocesani e ho così potuto imparare l’importanza e la fecondità della fraterna collaborazione fra le Chiese locali, in questo caso con la Chiesa di Trento ma anche con le altre".

Il vescovo Muser ha poi donato al vescovo Tomasi una reliquia, una vertebra del beato Josef Mayr–Nusser, il martire altoatesino che seppe dire no al nazifascismo: “Ti accompagni nel tuo ministero questo nostro beato credibile, provocatorio e scomodo, ti aiuti a vivere con coerenza ciò che oggi prometti, che il Signore stesso ti dona e la Chiesa ti affida” ha sottolineato nell’omelia il vescovo di Bolzano-Bressanone, rilanciando l’impegno di coscienza di Mayr Nusser “a non seguire ciecamente la massa, le mode predominanti, gli slogan superficiali e populisti”. Mons. Tomasi, che arriverà definitivamente a Treviso il prossimo 6 ottobre, ha poi concluso così: “Vengo presto, portando tutto me stesso, desideroso di camminare insieme”. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I segni evidenti di calo glicemico

  • Il piede diabetico: cure e trattamenti

  • Vince 20mila euro al Lotto e offre il caffè a tutto il bar

  • Dramma nei bagni del McDonald's: trovato morto un 44enne, si sospetta l'overdose

  • Cosa fare a Treviso e provincia nel weekend: fiere e mercatini accendono l'autunno

  • Malore dopo lo spinello: la causa della morte non è stato il trauma cranico

Torna su
TrevisoToday è in caricamento