Castelfranco scende in piazza per salvare l'ospedale San Giacomo

L'associazione "Difendiamo il nostro ospedale" ha annunciato una nuova mobilitazione per domenica 5 maggio alle ore 16, in piazza Giorgione, contro il declassamento del San Giacomo

In foto: l'ospedale di Castelfranco (immagine d'archivio)

Ospedale San Giacomo declassato, lo Iov assume sempre più importanza agli occhi della Regione e le ventimila firme raccolte dalle associazioni per evitare la chiusura dell'ospedale civile non sono ancora state prese in considerazione.

Castelfranco scende in piazza per difendere il San Giacomo. L'iniziativa arriva dall'associazione "Difendiamo il nostro ospedale" che, nelle scorse ore, ha annunciato una nuova mobilitazione in programma domenica 5 maggio alle ore 16 in piazza Giorgione. «Se volete bene a Castelfranco e all'ospedale, ecco la data della nuova manifestazione: mobilitatevi con noi - chiedono a gran voce i membri dell'associazione - Chiamate a raccolta amici, parenti, conoscenti, pazienti del San Giacomo. Scriveteci in privato per contribuire alla distribuzione dei volantini. Non staremo fermi mentre il nostro ospedale viene declassato e dimenticato da chi ci amministra». Una polemica destinata a tenere banco ancora per diversi giorni.

Potrebbe interessarti

  • Malattia incurabile: il sorriso di Antonella si spegne a 50 anni

  • Bambina di tre anni "dimenticata" all'interno di uno scuolabus

  • Malattia incurabile: morto il titolare della pizzeria "Da Gennaro"

  • Ciclismo trevigiano in lutto: Christian Cigaia perde la vita a soli 47 anni

I più letti della settimana

  • Spaventoso rogo in una autodemolizione, a Fiera torna l'incubo

  • Schianto frontale tra camion e auto sulla Postumia, muore 60enne

  • «Lo ha fatto apposta, ha sterzato di colpo contro l'altra macchina»

  • Carambola tra cinque auto e un camion sulla Feltrina, quattro feriti

  • Malattia incurabile: il sorriso di Antonella si spegne a 50 anni

  • L'addio a "Pina", il marito: «Farò di tutto perché sia fatta giustizia»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento