Castelfranco scende in piazza per salvare l'ospedale San Giacomo

L'associazione "Difendiamo il nostro ospedale" ha annunciato una nuova mobilitazione per domenica 5 maggio alle ore 16, in piazza Giorgione, contro il declassamento del San Giacomo

In foto: l'ospedale di Castelfranco (immagine d'archivio)

Ospedale San Giacomo declassato, lo Iov assume sempre più importanza agli occhi della Regione e le ventimila firme raccolte dalle associazioni per evitare la chiusura dell'ospedale civile non sono ancora state prese in considerazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Castelfranco scende in piazza per difendere il San Giacomo. L'iniziativa arriva dall'associazione "Difendiamo il nostro ospedale" che, nelle scorse ore, ha annunciato una nuova mobilitazione in programma domenica 5 maggio alle ore 16 in piazza Giorgione. «Se volete bene a Castelfranco e all'ospedale, ecco la data della nuova manifestazione: mobilitatevi con noi - chiedono a gran voce i membri dell'associazione - Chiamate a raccolta amici, parenti, conoscenti, pazienti del San Giacomo. Scriveteci in privato per contribuire alla distribuzione dei volantini. Non staremo fermi mentre il nostro ospedale viene declassato e dimenticato da chi ci amministra». Una polemica destinata a tenere banco ancora per diversi giorni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bar presi d'assalto, Zaia furioso: «Se continua così chiudo tutto»

  • Malore fatale, il titolare della pizzeria "Da Max" muore a 52 anni

  • Tragico schianto contro un'auto, muore motociclista 61enne

  • Madre di un figlio di 11 anni muore dopo una lunga malattia

  • Malore improvviso durante la gita in bici: morto Carlo Durante, oro paralimpico nel '92

  • Il direttore generale della Uls 2: «E' una tragedia, così riparte l'infezione e non sarà mai finita»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento