Ristrutturazione a Casa Marani: al via il trasferimento degli ospiti nei nuovi spazi

I lavori proseguiranno fino a maggio per portare ad 88 i posti letto disponibili rispetto ai 53 esistenti. L'ammontare complessivo dei lavori è di 2,5 milioni di euro

L'interno della casa di riposo

E' un giorno importante, questo, per Casa Marani: tra oggi e domani gli ospiti della sede di Paese verranno trasferiti nella nuova porzione ristrutturata dell'edificio. La mole dei lavori è considerevole, a fronte di un impegno di 2,5 milioni di euro. Molti spazi sono stati ridisegnati, altri progettati ex novo rispetto alla struttura esistente, in modo da accogliere (a lavori ultimati e dunque tra maggio e giugno) 88 posti letto, anziché i 53 attuali. Anche gli spazi funzionali sono quasi raddoppiati, da 2500 a 4030 mq.  In particolare la creazione di due sale da pranzo/soggiorno garantisce una maggiore circolarità nella struttura, con spazi più ampi per gli ospiti e per gli operatori che possono ottimizzare il lavoro anche in termini di percorsi. Presenti al sopralluogo, che ha anticipato il trasferimento nelle nuove camere, i vertici di Casa Marani e i rappresentanti del Comune di Paese, oltre ai più stretti collaboratori e a chi, quotidianamente, si prende cura degli anziani ospiti. 

casariposo2-2

«Devo ringraziare il direttore e la presidente di Casa Marani per l’impegno profuso -ha dichiarato il sindaco Francesco Pietrobon- Siamo arrivati ad un traguardo importante, un obiettivo che la comunità voleva: una struttura più capiente e più che moderna. Dopo tanti anni di confronto, i risultati si stanno vedendo. Insomma, è stata premiata l’idea di affidare nel 2012 questa struttura, prima gestita direttamente dal Comune, ad un’IPAB, a dei professionisti». Grande soddisfazione anche per la Presidente del Consiglio di Amministrazione di Casa Marani, Daniela Zambon: «Grazie all’accordo con il Comune di Paese abbiamo potuto aumentare la qualità del servizio offerto. Abbiamo già avuto il primo trasferimento degli ospiti nel corpo D non ancora utilizzato e da completare, stiamo procedendo con la ristrutturazione degli altri tre corpi attualmente utilizzati ma completamente rinnovati con tecnologie innovative, che puntano al risparmio energetico, ma anche al miglioramento della qualità della vita degli ospiti e di chi vi lavora. Oggi Casa Marani opera in tre strutture. Gli ospiti sono più di 200 e più di 250 le persone che a vario titolo vi lavorano. E siamo felici che le nuove realizzazioni siano molto apprezzate da tutti, anche dai famigliari».

casariposo3-2

Proprio per garantire gli standard qualitativi i lavori sono durati un po’ più del previsto. «Ci siamo presi un po’ più tempo del necessario e abbiamo pensato i lavori in vari blocchi – ha spiegato il direttore Enrico Giovanardi – proprio per non arrecare danno, rumori o fastidi a chi vive nella casa. E i riscontri sono positivi perché abbiamo lavorato nel modo più corretto, facendo le cose per bene». Un grazie corale è andato all’ingegner Maurizio Costamagna che ha seguito il progetto con grande passione e competenza. E anche con grande gusto, nella scelta dei materiali, dei colori e delle soluzioni tecniche che non facessero assomigliare troppo la struttura ad un ospedale, ma che garantiscano tutto il supporto necessario, all’occorrenza, sapientemente nascosto. «Questo è solo un tassello del lavoro che il Comune di Paese sta organizzando per gli anziani e l’inizio di una collaborazione più ampia con Casa Marani e molte associazioni del territorio». Lo ha ricordato l’assessore al Sociale Katia Uberti, spiegando che qui saranno ospitati gli anziani che non possono essere accuditi a casa, ma nel mezzo c’è tutta una serie di servizi che verrà potenziata, come i pasti a domicilio, i trasporti e – novità fresca fresca – la creazione proprio a Casa Marani di un punto sanitario per interventi immediati, molto semplici, come le medicazioni, aperto a tutta la cittadinanza.

Potrebbe interessarti

  • Malattia incurabile: il sorriso di Antonella si spegne a 50 anni

  • Bambina di tre anni "dimenticata" all'interno di uno scuolabus

  • Malattia incurabile: morto il titolare della pizzeria "Da Gennaro"

  • Malattia incurabile: papà trevigiano muore a soli 38 anni

I più letti della settimana

  • Spaventoso rogo in una autodemolizione, a Fiera torna l'incubo

  • «Lo ha fatto apposta, ha sterzato di colpo contro l'altra macchina»

  • Carambola tra cinque auto e un camion sulla Feltrina, quattro feriti

  • Malattia incurabile: il sorriso di Antonella si spegne a 50 anni

  • L'addio a "Pina", il marito: «Farò di tutto perché sia fatta giustizia»

  • Scontro tra camion e un'auto, gravissima una 55enne

Torna su
TrevisoToday è in caricamento