Lutto nella Polizia di Stato: si è spento a 58 anni il commissario Rasi

Colpito da una terribile malattia, è deceduto nella serata di domenica: tra i vari riconoscimenti, ha ricevuto una targa “per l’indimenticabile calore umano e la sensibilità profuse” dopo il disastro aereo avvenuto nel '95 e costato la vita a 49 persone

Dopo una lunga malattia, si è spento nella serata di domenica il dottor Andrea Rasi, commissario della Polizia di Stato in servizio presso l’ufficio di Polizia di Frontiera Aerea di Verona. Nato a Padova il 9 ottobre 1961, è stato assunto nei ruoli del Corpo delle Guardie di Pubblica Sicurezza il 25 luglio del 1980; nel 1986 ha ricevuto la qualifica di Vice Sovrintendente della Polizia di Stato e nel 1991 la qualifica di Vice Ispettore ottenendo la nomina a Sostituto Commissario il 13 ottobre 2003. Previo superamento dei relativi corsi di perfezionamento, il 26 maggio 2018 ha ricevuto l’assegnazione al ruolo direttivo con la nomina a commissario della Polizia di Stato. Ha conseguito la Laurea in Scienze Sociologiche, un Master in Sicurezza e-Governance e la Laurea Specialistica in Scienze Politiche Internazionali, Europee e delle Amministrazioni presso l’Università di Teramo.

Nel corso della sua carriera professionale, ha prestato servizio presso le Questure di Rovigo, Treviso e Verona e nel 1988 è stato assegnato al Posto di Polizia di Frontiera presso l’aeroporto di Verona. Il 30 luglio 1990, ad istituzione dell’ufficio di Polizia di Frontiera Aerea di Verona, ha iniziato a ricoprire l’incarico di Vice Dirigente, di Responsabile dell’unità di analisi del rischio - sicurezza e frontiera, di Responsabile del Secondo Settore Attività Investigativa e di Polizia Giudiziaria, di Frontiera e Sicurezza, ricoprendo anche funzioni di istruzione e formazione del personale della Polizia di Stato, dei Vigili del Fuoco, della Guardia di Finanza, dell’Agenzia delle Dogane e delle Forze Armate per il conseguimento di specifiche qualifiche operative in ambito di Sicurezza Aeroportuale e di Polizia di Frontiera, essendo dal 2001 membro permanente della Commissione ENAC.

È stato responsabile del pool della Polizia di Stato presso l’Ufficio Visti, tra il 1997 ed il 1998, del Consolato d’Italia a San Pietroburgo (Russia). Nell’ambito degli incarichi di responsabilità ricoperti ha sempre conseguito eccellenti risultati, per l’acquisita preparazione giuridica e professionale, nonché per le ottime doti organizzative e gestionali, per le quali è stato insignito di numerosi riconoscimenti premiali, tra cui un Encomio Solenne e tre Lodi, conferiti dal Capo della Polizia e vari elogi per le attività svolte, oltre ad essergli stata conferita la Medaglia d’Oro al Merito di Servizio e la Croce d’Argento per Anzianità di Servizio. Ha ricevuto l’Attestato di Pubblica Benemerenza, conferitogli il 12 aprile 2011 dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Protezione Civile, ed il 2 giugno 2014 il Presidente della Repubblica lo ha insignito dell’onorificenza di Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana.

Recentemente, il 15 dicembre 2019, in occasione della XXIV Cerimonia di Commemorazione del Disastro Aereo avvenuto in località Poiane di Sommacampagna il 13 dicembre 1995, in cui persero la vita 41 passeggeri e gli otto membri dell’equipaggio, gli è stata consegnata dall’Associazione Familiari delle Vittime una targa commemorativa “per l’indimenticabile calore umano e la sensibilità profuse”.

Il Questore di Verona Ivana Petricca, Il Dirigente della Polaria Roberto Salvo, il Commissario Vincenza Falco ed i colleghi della Polaria e della Questura di Verona lo ricordano con profondo affetto e stima, come un uomo al servizio di tutti fino all’ultimo; apprezzato e stimato da chiunque lo abbia conosciuto per le sue eccezionali doti morali e professionali che lo hanno reso un grande servitore della Polizia di Stato.

Si stringono con viva commozione al dolore della moglie Daniela, dei suoi tre figli Marco, Jacopo e Anastasia e di tutti i suoi cari. La cerimonia funebre sarà celebrata a Verona, mercoledì 15 gennaio alle ore 15.30, presso la Chiesa di San Bernardino, in Stradone Provolo 28.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata cadavere Rosanna Sapori, giornalista «scomoda» del Nordest

  • Tragedia da "Ciao bei": aiuto cuoco muore per un malore

  • Detrazioni fiscali: tracciabilità obbligatoria per le spese del 2020

  • Cadavere affiora dal Monticano, è il corpo di Marco Dal Ben

  • Diabete e retinopatia, il prof. Bandello: "Siamo all'avanguardia, ma ancora pochi screening"

  • Chiudono "Rosa e Baffo" e pub "Rosa": piazza di Bonisiolo deserta

Torna su
TrevisoToday è in caricamento