A Ponte di Piave riparte lo sportello lavoro

Con il contributo di un operatore sarà possibile inoltre ampliare le capacità di presentazione del proprio profilo professionale attraverso un percorso che prevede innanzitutto colloqui di conoscenza e di approfondimento della persona

Il Comune di Ponte di Piave

Riparte l’attività dello sportello Lavoro: promosso dal Comune di Ponte di Piave per sostenere la ricerca attiva del lavoro. Riparte a Ponte di Piave l’attività dello sportello JOBS promosso dall’Amministrazione Comunale di Ponte di Piave, per accogliere gli utenti e sostenere la ricerca attiva del lavoro. Le persone che si rivolgono al servizio avranno l’opportunità di potenziare le loro capacità e l’orientamento nella ricerca nel territorio e ricevere informazioni sul tessuto aziendale. «Coordinato dalla cooperativa La Esse, in continuità con la precedente edizione -ha dichiarato all’Assessore ai Servizi Sociali Giovanna Zanotto- lo Sportello promuove opportunità di collocazione ed esperienze formative e professionali. Un’azione che si sviluppa in connessione con la rete territoriale attivata grazie alla collaborazione con i diversi soggetti istituzionali, i Servizi Sociali, Centro per l’Impiego, Città dei Mestieri e delle Professioni, CPIA, e le aziende».

Con il contributo di un operatore sarà possibile inoltre ampliare le capacità di presentazione del proprio profilo professionale attraverso un percorso che prevede innanzitutto colloqui di conoscenza e di approfondimento della persona, la valutazione delle opportunità e l'analisi delle azioni già attuate per la ricerca, e quindi l’individuazione di possibili percorsi di formazione e tirocini. «L’obiettivo -ha dichiarato il sindaco Paola Roma- è quello di accogliere, supportare le  persone che hanno perso il lavoro o che non l’hanno mai avuto e che si trovano in condizioni economiche e sociali di marginalità. La mancanza del lavoro, che è il più sociale dei bisogni, infatti,  ha conseguenze drammatiche, non solo per l’impossibilità di soddisfare i bisogni quotidiani ma anche perché incide sulla salute psico-fisica delle persone talvolta determina la polverizzazione delle relazioni familiari  L’Amministrazione Comunale, sensibile a queste tematiche ,  sin dal  2016 attraverso i servizi sociali, promuove azioni di questo tipo. Da anni infatti, oltre allo Sportello Orientamento Lavoro,  partecipa ai finanziamento del fondo sociale Europeo e Regionale per la realizzazione di Progetti di Pubblica Utilità e Cittadinanza attiva, concretamente interventi  finalizzati a garantire ai cittadini maggiormente svantaggiati l’opportunità di essere parte attiva nella società e promuovere pure l’inserimento lavorativo».

Il lavoro che viene svolto con gli utenti è diverso a seconda delle situazioni, in particolare si definiscono i bisogni lavorativi reali, le competenze e gli strumenti che la persona ha a disposizione, con un primo orientamento ai servizi relativi alla ricerca di lavoro, le agenzie per il lavoro e le agenzie che si occupano di ricerca e selezione e i servizi relativi alla formazione. Lo sportello, con sede in Piazza Sarajevo 14/A, sarà aperto ogni due settimane, a partire dal 10 settembre, il martedì, dalle ore 10.30 alle 12.30. Per avere informazioni e per fissare un appuntamento: T 366.4233997

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia al ritorno dalla discoteca, Alberto Antonello positivo alla cannabis

  • Donna viene investita da un'auto e muore: è caccia al pirata della strada

  • Troppo grande la sofferenza per la malattia: ex assessore comunale si toglie la vita

  • Travolto dal suo furgone mentre lo sta caricando, muore ambulante

  • Scopre di avere un tumore, maestra d'asilo muore 5 giorni dopo

  • Si era dato fuoco di fronte al "Per Bacco", muore dopo cinque giorni di agonia

Torna su
TrevisoToday è in caricamento