A lezione con l'assessore, come prevenire i danni causati dai temporali

"Prevenire i danni causati dai temporali si può con informazioni corrette e tempestive" 

Foto Archivio

MIANE "Prevenire i danni causati da temporali e bombe d’acqua è possibile con una informazione corretta, tempestiva e capillare”. E’ quanto ha sostenuto l’assessore regionale alla Protezione civile del Veneto, Gianpaolo Bottacin, nel seminario  dedicato ai fenomeni temporaleschi nelle aree montane svoltosi oggi a Miane presso il Teatro Jean Antiga per gli amministratori locali della zona di allertamento Vene-H che raccoglie le valli del Coneglianese e di Montebelluna, oltre ai comuni del Basso Bellunese e del Feltrino. “La prevenzione e la gestione di temporali e intemperie improvvise - ha spiegato Bottacin - soprattutto in questa fase di estremizzazione degli eventi climatici,  richiede formazione e competenze specifiche per riuscire a gestire in modo corretto informazioni e allerte nei confronti dei cittadini, spesso fuorviati da notizie imprecise o approssimative”. 

Durante il seminario formativo si è parlato della probabilità di previsione dei temporali, degli specifici allertamenti e di come leggere i bollettini in materia. Inoltre sono stati approfonditi gli effetti sulle zone montane  e pedemontane,  come le colate di fango o i debris flow (colate detritiche). La giornata si è quindi conclusa con alcuni approfondimenti sulla pianificazione di protezione civile e la gestione dell’emergenza.  Oltre alle strutture dell’assessorato (con interventi di Germano Dal Farra, Riccardo Rossi e Alberto Massaro), hanno fornito il loro contributo Franco Zardini di Arpav e Vincenzo Sparacino del Centro Funzionale Decentrato. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“La Regione Veneto sta investendo molto sulla formazione in materia di protezione civile - ha ricordato l'assessore - Oltre al corso sui temporali, da inizio anno abbiamo già svolto 14 corsi specialistici sul rischio elettrico per volontari capisquadra, un corso base per sindaci e amministratori locali, due corsi specialistici sul rischio idraulico e uso delle pompe, due corsi specialistici sulla protezione dei beni culturali, 4 corsi per gli operatori delle strutture regionali di difesa del suolo e di protezione civile presenti nel territorio, e una ‘due giorni’ di approfondimento sul nuovo Codice della Protezione civile, dedicata ad amministratori e volontari”. In autunno proseguiranno, inoltre, i percorsi didattici di Scuola Sicura Veneto all’interno delle scuole primarie e secondarie venete, secondo un calendario che prevede una ventina di eventi formativi articolati nel corso dell’anno scolastico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bar presi d'assalto, Zaia furioso: «Se continua così chiudo tutto»

  • Malore improvviso durante la gita in bici: morto Carlo Durante, oro paralimpico nel '92

  • Malore fatale, il titolare della pizzeria "Da Max" muore a 52 anni

  • Tragico schianto contro un'auto, muore motociclista 61enne

  • Madre di un figlio di 11 anni muore dopo una lunga malattia

  • Il direttore generale della Uls 2: «E' una tragedia, così riparte l'infezione e non sarà mai finita»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento