Reddito e pensione di cittadinanza, potenziati gli sportelli del Caf Cisl

Formazione mirata per gli operatori del Centro di assistenza fiscale e del patronato Inas. Da mercoledì 6 marzo i primi appuntamenti per la presentazione delle domande

L'ingresso del Caf della Cisl di Treviso (Foto d'archivio)

Reddito e pensione di cittadinanza, potenziati gli sportelli Caf Cisl delle province di Treviso e Belluno in vista della prima data utile per la presentazione delle domande, mercoledì 6 marzo.

Le richieste infatti, grazie al recente accordo stretto con l’Inps, potranno essere presentate anche tramite i Centri di assistenza fiscale. Stando alle dichiarazioni Isee della provincia di Treviso, nella Marca le domande potrebbero essere 20mila, di cui 7/8000 solo nel comune di Treviso. Nel mese di febbraio le domande di Isee presentate al Caf Cisl Belluno Treviso sono aumentate del 30% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. In previsione della forte domanda e per far fronte alle maggiori richieste di Isee collegate alla domanda di Reddito e pensione di cittadinanza (per gli over 67), il Centro fiscale della Cisl ha assunto 10 operatori nel trevigiano e 3 nel bellunese. Inoltre, sono state organizzate delle giornate di di formazione per gli operatori e gli addetti all’accoglienza del Caf e anche per il personale dell’Inas, perché sarà il patronato ad accogliere le richieste di pensione di cittadinanza. In particolare, il personale dedicato all’accoglienza dovrà avere le conoscenze di base per poter indirizzare le richieste al patronato (per la pensione di cittadinanza) o al Caf (per il Rdc e l’Isee) e fissare gli appuntamenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Le richieste, soprattutto per la verifica dei requisiti, già in questi giorni sono molte - spiega il responsabile del Caf Cisl Belluno Treviso Antonio Miotto - Dal 6 marzo inizieremo a fissare gli appuntamenti, ai quali i cittadini che ritengono di avere i requisiti dovranno presentarsi muniti di documento di identità e modello Isee. I nostri operatori li aiuteranno nella compilazione della domanda, che di fatto è un’autocertificazione, e procederanno all’invio all’Inps». Ad oggi, i modelli Isee sotto la soglia di 9.360 euro che dà diritto al Reddito di cittadinanza presenti nel database della Cisl sono 7.950 per la provincia di Treviso e 1.550 per la provincia di Belluno. Bisogna però tenere conto che l’Isee inferiore a 9.360 euro non è l’unico requisito richiesto: serve la residenza in Italia da almeno 10 anni, di cui gli ultimi due in modo continuativo, un patrimonio immobiliare non superiore a 30mila euro senza considerare la casa di abitazione, un patrimonio mobiliare non superiore a 6 mila euro per nuclei composti da un solo componente, 8mila se i componenti sono due e 10mila per famiglie con tre o più persone. Inoltre nei sei mesi precedenti la richiesta non bisogna aver acquistato auto di cilindarata superiore ai 1.600 cc, moto sopra i 250 cc o barche. Chi presenterà la domanda entro il 31 marzo, otterrà il beneficio a fine aprile; i cittadini che formuleranno al domanda per il reddito dal primo aprile, riceveranno il beneficio a maggio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vasto incendio da "Vaka Mora": a fuoco 500 balle di fieno

  • Laurea in Medicina a Treviso: Governo impugna la legge del Veneto

  • Malattia fulminante spegne la vita della piccola Nicole a soli 12 anni

  • Scompare all'improvviso da casa, il biglietto ai genitori: «Non venitemi a cercare»

  • Apre a Oderzo il Würth Store, negozio con oltre 5 mila prodotti professionali

  • Runner scivola e precipita nel vuoto: muore 37enne

Torna su
TrevisoToday è in caricamento