Gli aerei del 51° Stormo di Istrana rientrano dalla missione in Kuwait

Dopo quasi tre anni si chiude l’impegno in Kuwait dove gli aerei della base trevigiana hanno svolto un importante lavoro di ricognizione a supporto della coalizione contro il Daesh

Mercoledì 27 marzo, nel primo pomeriggio, sono tornati  “a casa” nella base di Istrana i quattro velivoli AMX del 51 Stormo che, nella giornata di martedi 26 marzo, avevano effettuato il passaggio di consegne con i caccia Eurofighter schierati nel paese asiatico per l'operazione "Prima Parthica", che costituisce il contributo della Difesa alla Coalizione internazionale di contrasto al Daesh.

I velivoli del 51° Stormo hanno trascorso quasi tre anni inquadrati nel “Task Group Black Cats”, ricostituito sulla base di Al Jaber in Kuwait nel giugno 2016. Dopo l'impegno operativo in Afghanistan  gli aerei di Istrana hanno operato anche in questo contesto lavorando in stretta sinergia con gli altri assetti della Coalizione, fornendo un contributo determinante alle operazioni stimato in più di  6000 ore di volo svolte e circa 17000 punti d'interesse e prodotti intelligence realizzati grazie ai sistemi di ricognizione di cui è equipaggiato il velivolo AMX. Gli AMX hanno svolto nel teatro di operazione una capillare attività di ricognizione grazie all’utilizzo del Pod Reccelite, “l’occhio” che consente di monitorare dall’alto il terreno, scorgere particolari minacce e segnalare agli organismi competenti, anche in tempo reale, situazioni di pericolo o potenziali obiettivi da monitorare. Questa attività svolta dai velivoli di Istrana consente di realizzare una capacità importantissima denominata “information superiority” grazie alla quale i velivoli si sono distinti anche nella precedente missione in Afghanistan dove la loro supervisione dall’alto ha contribuito a limitare in maniera efficace i rischi dei soldati della coalizione impegnati a lavorare sul terreno.

Tale capacità è utilissima anche in Patria e non soltanto in operazioni militari. In un’ ottica che oggi viene denominata "dual use" è sempre più frequente l’impiego dei velivoli del 51 Stormo a supporto della popolazione in caso di calamità naturali. In quest’ottica il velivolo riesce a migliorare l’azione dei soccorsi a terra, guidandoli in diretta dall’alto grazie ad un sistema che riesce a trasmettere direttamente a chi opera sul terreno ciò che l’aereo vede. Molteplici sono stati negli ultimi anni gli interventi in tal senso, dal terremoto in Emilia Romagna, all’alluvione in Sardegna ai numerosi sisma che hanno ripetutamente colpito il centro Italia ed in particolare la zona di Amatrice, fino al terremoto di Ischia. La chiusura della missione in Kuwait rappresenta  un traguardo prestigiosissimo per, l'AMX e per il 51° Stormo di Istrana. Infatti questo velivolo che nel 2019 celebra i 30 anni di impiego operativo vanta un primato d’eccezione cioè quello di essere stato impiegato per quasi i due terzi della sua vita in operazioni reali a partire dal 1999 nell’ambito dell’operazione Nato “Allied Force” nella ex-Jugoslavia.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camionista trovato morto nel parcheggio del centro commerciale Arsenale

  • Cosa fare a Treviso e provincia nel weekend: tre giorni di feste e divertimento

  • Si schianta con la Ferrari del papà il figlio di mister Nice

  • Lutto nel mondo del Prosecco: Orfeo Varaschin muore a 50 anni

  • Autotreno pieno di ghiaia si ribalta in strada: traffico in tilt

  • Camper sbanda e distrugge una balaustra del ponte di Vidor: gravi disagi al traffico

Torna su
TrevisoToday è in caricamento