San Biagio di Callalta: il sindaco ordina il divieto dei botti di Capodanno

Il divieto sarà in vigore dal 30 dicembre al 6 gennaio 2019, periodo dell’anno in cui solitamente è diffusa l’abitudine di accendere fuochi d’artificio in occasione di feste private o in piazza

Il sindaco di San Biagio di Callalta, Alberto Cappelletto, ha emanato un’ordinanza per vietare i botti di Capodanno. Il divieto sarà in vigore dal 30 dicembre al 6 gennaio 2019, periodo dell’anno in cui solitamente è diffusa l’abitudine di accendere fuochi d’artificio in occasione di feste private o in piazza.

«E’ una misura che – spiega il primo cittadino - intende tutelare prima di tutti i soggetti più deboli come i bambini, le persone anziane, ammalate e sole che dallo scoppio di petardi e fuochi possono subire un disagio psicofisico. Ma anche evitare le conseguenze sugli animali domestici e non, che, presi dallo spavento, posso fuggire e perdere l’orientamento, creando anche rischi per l’incolumità loro e altrui».

Il rispetto dell’ordinanza, affissa all’albo comunale, sarà affidato alle forze di polizia, ma il sindaco si appella anche al senso di responsabilità individuale e alla sensibilità collettiva, per evitare che momenti di festa e socializzazione possa mettere a rischio la sicurezza delle persone. Le uniche eccezioni saranno consentite in luoghi ed eventi autorizzati dalla locale autorità di pubblica sicurezza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Saluta il figlio, poi il tragico malore in casa: muore a 46 anni

  • Accende la stufa a pellet con l'alcool, 31enne gravemente ustionata

  • Malore improvviso in casa porta via alla vita Irene, 46enne madre di famiglia

  • Blitz antidroga della polizia locale sui bus degli studenti del "Turazza"

  • Cadavere affiora dal Monticano, è il corpo di Marco Dal Ben

  • Movida trevigiana sotto controllo: stangato un locale etnico con all'interno 25 pregiudicati

Torna su
TrevisoToday è in caricamento