Addio all'imprenditore Onorino Soccol, fondatore della Wurth

Di origini povere, emigrò in Germania dove conobbe Reinhold Würth che gli chiese di vendere i suoi prodotti in Italia. Il funerale si terrà mercoledì 8 maggio presso la chiesa dell’Immacolata di Lourdes a Conegliano alle ore 15

Onorino Soccol

È venuto a mancare Onorino Soccol, residente a San Pietro di Feletto e fondatore della Würth S.r.l. Italia. Onorino, nato a Zoldo Alto (BL), nel 1932, da una famiglia povera, emigrava in Germania per cercare fortuna come gelataio. Lì conobbe Reinhold Würth il quale gli propose di tornare in Italia e di provare a vendere gli articoli dell’azienda che il Signor Würth stesso stava costruendo in Germania. Dal 1963, anno della sua fondazione, la Würth crebbe sempre di più grazie alla volontà delle persone che dedicarono la loro energia ed entusiasmo a quella nuova avventura.

Onorino si è sempre occupato della direzione della forza vendite e del rapporto con i clienti: il suo motto era “Il cliente è re e noi siamo i suoi umili servitori”. Sposato con Pierina Gerardo, padre di Paolo e di Manuela, Onorino lascia il suo esempio di uomo caparbio, etico e di parola. Il funerale si terrà mercoledì 08/05 presso la chiesa dell’Immacolata di Lourdes (Conegliano) alle ore 15.

Potrebbe interessarti

  • Crisi cardiaca alla festa di nozze: bimbo di un mese perde la vita

  • Malattia incurabile: papà trevigiano muore a soli 38 anni

  • Malattia incurabile: morto il titolare della pizzeria "Da Gennaro"

  • Bambina di tre anni "dimenticata" all'interno di uno scuolabus

I più letti della settimana

  • Prostitute a casa dei clienti, 200 euro a prestazione: tra le squillo anche una minorenne

  • Crisi cardiaca alla festa di nozze: bimbo di un mese perde la vita

  • Malattia incurabile: papà trevigiano muore a soli 38 anni

  • L'addio a "Pina", il marito: «Farò di tutto perché sia fatta giustizia»

  • Si schianta con la bici contro un'auto sul Montello, 41enne in coma

  • Christian al giudice: «Non l'ho violentata, è stato sesso consensuale»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento