Gestione dei rifiuti e dell'energia a scuola: gli studenti protagonisti a Silea

L’Istituto Comprensivo al centro di un’intensa mattinata di restituzione di due importanti progetti educativi nell’ambito dell’efficienza energetica e della mediazione in caso di conflitti

SILEA L’Amministrazione Comunale di Silea da tempo pone al centro della sua azione l’offerta formativa dell’Istituto Comprensivo di Silea, con un sostegno finanziario di circa 60.000 euro annui, distinguendosi per sensibilità e valore aggiunto delle proposte, pur garantendo autonomia nella programmazione. E’ in quest’ottica che si inserisce la mattinata di venerdì che è stata dedicata a due importanti momenti di restituzione e che ha visto protagonisti gli studenti della Scuola Secondaria di primo grado di Silea. Infatti, a partire dalle ore 11, sono arrivati al plesso scolastico “Marco Polo” di Silea, cinque referenti della Provincia di Treviso e i referenti della Rete Iside che, accompagnati dall’Assessore Angela Trevisin e dall’insegnante referente prof.ssa Mara Maccatrozzo, hanno rilevato le impressioni di alcuni alunni delle classi prime, seconde e terze, per illustrare le attività svolte nell’ambito del progetto europeo “Edufootprint”, coordinato dalla Provincia di Treviso e finanziato dal programma Interreg MED, per migliorare le capacità di gestione, pianificazione e controllo dell'energia negli edifici pubblici dell'Area Mediterranea, nel desiderio di migliorare l'efficienza energetica riducendo l'impronta ambientale negli edifici scolastici, prendendo in considerazione l'intero ciclo di vita del sistema educativo.

Durante l’incontro di Silea, primo di un ciclo che coinvolgerà tutte le scuole aderenti il progetto, sono state illustrate le analisi e le proposte creative degli alunni, per giungere a un maggiore livello di conoscenza e consapevolezza sulla produzione dei rifiuti e su quali comportamenti attuare per la loro riduzione. Nel frattempo, i 23 alunni della classe 1^ E che sono stati ospiti dell’AGIA – Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza di Roma a seguito della partecipazione alla seconda annualità del progetto sulla mediazione scolastica “Dallo scontro all’incontro: mediando si impara”, edizione 2017/2018, rappresentando l’Istituto Comprensivo di Silea, unica scuola selezionata nel Veneto e tra le dodici a livello nazionale, hanno condiviso con i loro compagni delle classi prime e seconde l’esperienza sulla mediazione, facendosi da tramite con i compagni. A turno i ragazzi hanno potuto guardare un video sulla mediazione scolastica in caso di conflitto, a cui sono seguiti dei giochi di ruolo mirati al coinvolgimento dei ragazzi nel segno dello slogar: “Litigare bene si può”, con lo scopo di permettere ai ragazzi di immedesimarsi nelle emozioni altrui e capire cosa significa confrontarsi positivamente. Erano poi presenti le due formatrici che hanno condotto l’attività a Roma ovvero, Irene Alberi e Rosella Salari, che hanno illustrato il motivo per cui viene portata avanti questa progettualità da parte di AGIA e hanno psoto le basi per permettere al progetto di proseguire nel corso dei prossimi anni.

L’Assessore Angela Trevisin: “I nostri ragazzi hanno dimostrato l’importanza della messa in campo di progetti innovativi che permettono loro di ragionare su temi di forte attualità come il riciclo di rifiuti e la mediazione del conflitto, confrontandosi con i coetanei e sviluppando quelle risorse umane ed emozionali che li renderanno degli adulti consapevoli e rispettosi dell’ambiente e degli altri. Desidero ringraziare il Dirigente Scolastico Prof.ssa Milena Dai Prà per il grande impegno e per la forte collaborazione con l’Amministrazione, tutti i docenti dell’Istituto Comprensivo per l’impegno e la dedizione con cui portano avanti i vari progetti, la Provincia di Treviso, la Rete Iside e le rappresentanti dellAutorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Saluta il figlio, poi il tragico malore in casa: muore a 46 anni

  • Accende la stufa a pellet con l'alcool, 31enne gravemente ustionata

  • Male incurabile: addio a Sonia Scattolin, segretaria della Regione

  • Malore improvviso in casa porta via alla vita Irene, 46enne madre di famiglia

  • Blitz antidroga della polizia locale sui bus degli studenti del "Turazza"

  • Movida trevigiana sotto controllo: stangato un locale etnico con all'interno 25 pregiudicati

Torna su
TrevisoToday è in caricamento