A scuola di Polizia locale: gli alunni delle medie fanno lezione al Comando

Da lunedì 17 febbraio nuova esperienza per 11 piccoli “agenti” trevigiani che prenderanno parte a un corso innovativo per aumentare la consapevolezza sull'importanza di rispettare le leggi

La sede del Comando di Polizia locale diventerà una scuola per l'educazione alla civiltà e alla legalità: da lunedì 17 febbraio e fino alla fine di aprile undici ragazzi che frequentano la terza media alla scuola Coletti di Treviso saranno protagonisti di un corso per comprendere da vicino il valore del rispetto delle regole.

Le "lezioni" si svolgeranno proprio al Comando di via Castello d’Amore e in tutte quelle situazioni esterne dove gli agenti operano. Ogni ragazzo, singolarmente, frequenterà un corso di tutoraggio per tre pomeriggi alla settimana e sarà sempre seguito da un agente-tutor che lo accompagnerà in ogni situazione e gli spiegherà l'operato della Polizia locale. L’obiettivo è quello di far comprendere ai ragazzi il valore delle regole e del rispetto cercando poi che questi insegnamenti possano essere trasferiti dai ragazzi ai propri amici e compagni di classe. «Gli otto ragazzi e le tre ragazze frequentano l'istituto Coletti - spiega il comandante della Polizia locale, Andrea Gallo - Alcuni di loro si sono offerti come volontari per partecipare a queste lezioni di legalità e civiltà, lezioni pratiche fatte su scenari operativi veri.  I ragazzi, che hanno partecipato ad alcuni incontri preparativi con i genitori, assisteranno a parte delle attività della Polizia locale, in un ambiente psicologicamente protetto e in tutta sicurezza: conosceranno il funzionamento del comando, assisteranno ai servizi di controllo appiedato del territorio, vedranno come la Polizia locale, ogni giorno, cerca di far rispettare le regole anche ai loro coetanei». Il progetto è stato supportato anche dalla consulenza di psicologi delle strutture sanitarie locali che hanno da subito appoggiato l'iniziativa dando il supporto ai sette operatori della Polizia locale affinché il tutoraggio venisse svolto con tutte le precauzioni del caso nel rispetto dell'età dei ragazzi. «Si tratta di un corso innovativo - afferma il sindaco Mario Conte - Oltre che entrare nelle scuole con lezioni frontali di educazione stradale e di educazione alla civiltà, proponiamo di inserire gli stessi ragazzi negli ambienti della Polizia locale con l'obiettivo di far crescere e far maturare la loro consapevolezza sull'importanza di rispettare le leggi: tutti possono diventare leader della legalità».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, c'è la prima vittima a Treviso: è una donna di 75 anni

  • Lascia un biglietto d'addio poi si toglie la vita a soli 39 anni

  • Trovata morta nella culla a soli 5 mesi: addio alla piccola Azzurra

  • Malore fatale al lavoro: padre di due bambini muore a 31 anni

  • Operaio con febbre alta: «Ero a Vo'». Dipendenti tutti a casa alla "Breton"

  • Malore fatale: il cuoco dell'osteria Al Baston muore a 59 anni

Torna su
TrevisoToday è in caricamento