“Volontari d’Europa": ecco i nuovi volti dell'associazione

La presidenza viene rappresentata da Fausto Sartor uno dei storici promotori della tutela ambientale e la prevenzione incendi non solo nel Quartier del Piave ma anche nella zona del Montello

Un mezzo dei volontari

“Volontari d’Europa” vanno alle elezioni. Incontriamo i nuovi volti presso l’Associazione di Tutela Ambientale, Protezione Animali, Protezione Civile, Donazione Sangue ed Organi, di Sernaglia della Battaglia. Viene riconfermato come Vice Presidente Marco Sossai, il più giovane che della Tutela Ambientale ha fatto la sua ragion di vita. Operativo nel territorio con la sua azienda ha portato il suo sapere in Associazione insegnando le giuste tecniche per varie operazioni con le piante, e l’utilizzo di attrezzatura, aumentando la professionalità dei volontari. Alla segreteria si è succeduto Isidoro Bertazzon che ha dato prova delle sue capacità affiancando gli amministratori già da diverso tempo e dando un ottimo aiuto ai nuovi volontari. Consigliere è stato riconfermato Alberto De Negri, già responsabile di Protezione Civile. Le nuove entrate sono Graziano Piccini come Consigliere, un ottimo elemento assiduamente presente. La Presidenza viene rappresentata da Fausto Sartor uno dei storici promotori della tutela ambientale e la prevenzione incendi non solo nel Quartier del Piave ma anche nella zona del Montello. L’esperienza nel campo ha dato sicuramente i suoi frutti.

«Sono orgoglioso di essere parte di questa Associazione -spiega Sartor- mi sono avvicinato in punta di piedi con la sola finalità ambientale ma con il tempo mi sono lasciato coinvolgere dai volontari che con la loro professionalità mi hanno convinto a rendermi disponibile per questa esperienza. Non sono nuovo nel campo del volontariato e penso che questo servizio disinteressato sia indispensabile. Vogliamo cercare di avere un rapporto di fiducia e collaborazione con le pubbliche amministrazioni continuando il magnifico lavoro costruito e instaurato dai miei predecessori. Spero possano avvicinarsi altri ragazzi giovani e volenterosi perché il volontariato dà la possibilità di conoscere altre persone e di essere utile e alla fine essere anche un servizio gratificante. In alcuni momenti bisogna mettere del proprio, ma come aggiunge Graziano, bisogna metterci un po’ di passione, ed è proprio questa che ti aiuta ad affrontare le situazioni più difficili. Ringrazio gli amministratori uscenti per il lavoro fatto finora, Grazie a tutti e buon lavoro alla mia squadra».

Potrebbe interessarti

  • Malattia incurabile: il sorriso di Antonella si spegne a 50 anni

  • Malattia incurabile: papà trevigiano muore a soli 38 anni

  • Malattia incurabile: morto il titolare della pizzeria "Da Gennaro"

  • Bambina di tre anni "dimenticata" all'interno di uno scuolabus

I più letti della settimana

  • Spaventoso rogo in una autodemolizione, a Fiera torna l'incubo

  • Prostitute a casa dei clienti, 200 euro a prestazione: tra le squillo anche una minorenne

  • Carambola tra cinque auto e un camion sulla Feltrina, quattro feriti

  • Malattia incurabile: papà trevigiano muore a soli 38 anni

  • L'addio a "Pina", il marito: «Farò di tutto perché sia fatta giustizia»

  • Scontro tra camion e un'auto, gravissima una 55enne

Torna su
TrevisoToday è in caricamento