Vesuvio a rischio eruzione: il Veneto potrebbe ospitare i napoletani sfollati

L'annuncio arriva dall'assessore regionale Bottacin. La possibilità di evacuazione dell'area è concreta. In Veneto gli sfollati arriverebbero in treno. La Regione: «Pronti ad accoglierli»

In foto: il Vesuvio con vista sul golfo di Napoli

«Nel caso ci fosse un’eruzione del Vesuvio il Veneto sarebbe pronto ad accogliere gli sfollati esattamente come nel caso di qualsiasi altra calamità nazionale e in numero definito dalla normativa nazionale che, in questi casi, prevede un’equa distribuzione tra le Regioni».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A spiegarlo è l’assessore regionale alla Protezione Civile, Gianpaolo Bottacin. La delibera è stata approvata dalla giunta regionale lo scorso 4 giugno con il titolo: “Pianificazione di emergenza per rischio vulcanico del Vesuvio e dei Campi Flegrei. Approvazione degli schemi di Protocollo d'intesa tra la Regione del Veneto, la Regione Campania e i Comuni di Napoli, San Giuseppe Vesuviano, Sant'Anastasia e l'enclave di Pomigliano d'Arco”. «La delibera prevede l’applicazione di una norma dello Stato che risale al 2014 – sottolinea Bottacin – in base alla quale gli evacuati vengono distribuiti in tutte le regioni e non solo in Veneto. Dal momento che la Protezione Civile del Veneto è considerata al top in Italia, ovviamente, garantisce il pieno supporto tecnico al dipartimento nazionale e la piena solidarietà alle altre regioni, come sempre». La normativa di riferimento è la Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri “Disposizioni per l’aggiornamento della pianificazione di emergenza per rischio vulcanico del Vesuvio” del 14/02/2014 che formalizza il Piano nazionale di emergenza per l’area vesuviana, e la nuova delimitazione della “Zona rossa”. «La direttiva definisce che, nell’eventualità di calamità lungo le pendici del Vesuvio – precisa ancora l’assessore – noi in Veneto ci impegniamo ad accogliere circa 32.500 persone su 544mila pari a circa il 6%. Giusto per avere un’idea la Lombardia si impegna ad accogliere circa 100mila persone ed il Lazio circa 60mila. Il fatto è – prosegue Bottacin – che ogni volta che si è verificata una calamità di livello nazionale la Protezione Civile del Veneto è sempre stata in prima linea nel portare soccorso e garantire supporto alle altre regioni. Fa parte del dna dei veneti lo spirito di solidarietà, al contrario di chi vorrebbe far passare il messaggio di un Veneto egoista. Si ricorda che un Veneto su 5 fa volontariato a conferma di questo. Per noi è una cosa innata. Come ha riconosciuto Mattarella il 12 marzo quando a Belluno ha detto che il Veneto ha dato una lezione di protezione civile a tutta Italia – conclude l’assessore regionale - anche nel caso di una eventuale eruzione del Vesuvio il Veneto sarebbe in prima linea con tutti i suoi uomini e mezzi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus nella Marca: ecco la mappa del contagio comune per comune

  • Famiglia Zoppas in lutto: morto a soli 55 anni il noto manager Marco Colognese

  • Coronavirus: ancora in aumento il numero dei contagi nella Marca

  • «Prima smaltite ferie e permessi». Negata la cassa integrazione al Solnidò di Villorba

  • Coronavirus, oltre 10mila contagi in Veneto: cinque morti nella Marca

  • Scopre agricoltore che sversa liquami nel fosso: viene preso a martellate

Torna su
TrevisoToday è in caricamento