L'appello del sindaco: «Devolvete il 5 per 1000 al Comune di Ponzano»

Antonello Baseggio, da poco eletto come primo cittadino di Ponzano ha rivolto un appello molto singolare ai suoi concittadini che devono ancora compilare la dichiarazione dei redditi

In foto: Antonello Baseggio (Immagine d'archivio)

«Mi trovo oggi da sindaco, dopo averlo fatto da consigliere comunale di minoranza ed ancor prima da vicesindaco, a chiedere ai cittadini di Ponzano di firmare nella propria dichiarazione dei redditi l'adesione al 5 per mille in favore del proprio comune».

Il singolare appello arriva da Antonello Baseggio, sindaco neo-eletto del comune trevigiano. «Ad oggi questo gesto rappresenta uno dei pochi atti appartenenti al federalismo fiscale tanto acclamato. Firmando il 5 per mille in favore del proprio comune, scrivendo nella casella il nome del comune cioè Ponzano Veneto, permette all'ente di ricevere una somma ad oggi quantificabile  sui 13mila euro. Questo tesoretto viene e verrà utilizzato in ambiti sociali sulla disabilità, sul sostegno alle politiche per gli anziani ed altri progetti utili e necessari. Come sindaco e anche come cittadino che ama il proprio comune invito in questi giorni di dichiarazione dei redditi a farsi carico di questa possibilità perché sostanzialmente non costa nulla ma può essere un grande  aiuto. Poi, nel corso dell'anno - conclude Baseggio - sarà nostra cura e mia cura comunicarne l'utilizzo per la garanzia ed il rispetto di chi ha dato fidandosi dei propri amministratori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Saluta il figlio, poi il tragico malore in casa: muore a 46 anni

  • Accende la stufa a pellet con l'alcool, 31enne gravemente ustionata

  • Malore improvviso in casa porta via alla vita Irene, 46enne madre di famiglia

  • Blitz antidroga della polizia locale sui bus degli studenti del "Turazza"

  • Cadavere affiora dal Monticano, è il corpo di Marco Dal Ben

  • Movida trevigiana sotto controllo: stangato un locale etnico con all'interno 25 pregiudicati

Torna su
TrevisoToday è in caricamento