Sirti, lavoratori favorevoli all'ipotesi di accordo: risolta la vertenza

Importante svolta nella vicenda dello stabilimento di Mareno di Piave. I lavoratori hanno partecipato in gran numero al referendum sull'ipotesi di accordo: 67 voti favorevoli su 86

Con 67 voti favorevoli su 86 votanti è passata, martedì 14 maggio, l’ipotesi di accordo tra i lavoratori dello stabilimento Sirti di Mareno di Piave. «I lavoratori, che abbiamo sempre coinvolto in tutte le fasi di questa lunga trattativa, riuniti in assemblea hanno compreso l’importanza dell’accordo trovato tra sindacati e azienda e votato a favore. Questo è anche il quadro nazionale: 1.988 voti favorevoli su 2.612 votanti. Si chiude così una fase delicata e una vertenza difficile che ha visto lavoratori e sindacati scendere in piazza e protestare per i loro diritti».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A dirlo è Claudia Gava della Fiom Cgil di Treviso. Nonostante il poco tempo a disposizione, di fatto 3 giorni, i lavoratori e le lavoratrici Sirti hanno risposto partecipando al referendum sull'ipotesi di accordo dell'8 di maggio con un'affluenza pari al 73% (79% nella Telco). Un primo motivo di grande soddisfazione, chiaro segnale del bisogno di democrazia espresso, con assemblee partecipate e dibattute. Le intese raggiunte al ministero del Lavoro hanno riscontrato un gradimento del 77% (74% nella Telco e nei magazzini, le aree maggiormente impattate dalla procedura). Tra le sofferenze rimarcate dai numerosi interventi la mancata estensione solidale del contratto di solidarietà a tutti i dipendenti e soprattutto la soglia massima del 35%. Pertanto, è necessario che nei territori si svolgano riunioni di monitoraggio locale in merito all'applicazione del cds, nonché sui percorsi di riqualificazione interna verso le business unity non impattate dalla procedura. Cosi come per quel che riguarda i sub-appalti è di fondamentale importanza tanto l'apertura del tavolo di settore delle tlc, quanto quello sulla competitività che deve essere avviato il prima possibile, prevedendo gli indispensabili confronti nei territori. «Siamo soddisfatti per il risultato per nulla scontato, che premia ancora una volta il senso di responsabilità dei lavoratori Sirti, l'impegno delle Rsu e delle strutture territoriali Fim, Fiom e Uilm» concludono i sindacati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borsa di cibo gettata tra i rifiuti: «Uno spreco che fa rabbia»

  • Malore improvviso durante la gita in bici: morto Carlo Durante, oro paralimpico nel '92

  • Camion carico di pollame finisce sulla pista ciclopedonale

  • Partita la maxi campagna vaccinale per 15mila ragazzi trevigiani

  • Schiacciato da un camion in rotonda, ciclista muore a 63 anni

  • Nuova ordinanza di Zaia: «Mascherine solo al chiuso o a meno di un metro»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento