Cison, il Comune restaura le case con le frasi del Duce

Le facciate di tre abitazioni private del centro storico sono state restaurate dal Comune trevigiano che ha voluto riportare in auge le scritte risalenti al ventennio fascista

Foto di Giulio Guarini

"La mia volontà non conosce ostacoli", "Sempre pronti a indossare lo zaino", "Camminare e costruire e se necessario combattere e vincere". Sono queste le tre frasi, pronunciate dal Duce Benito Mussolini, riapparse sui muri di tre case private a Cison di Valmarino.

Scritte_Cison_2-2

Non si tratta di un atto vandalico, ma della nuova iniziativa del Comune trevigiano che, per tenere viva la memoria del passato, ha deciso di finanziare il restauro di tre abitazioni private del centro storico sulle cui facciate, durante il ventennio fascista, erano state scritte le frasi pronunciate da Benito Mussolini. Tre slogan di propaganda come se ne possono trovare in decine di abitazioni italiane sopravvissute al passare del tempo. Sulle tre case di Cison le scritte risalenti al ventennio fascista stavano diventando ormai un ricordo scolorito. Il sindaco e la sua amministrazione hanno pensato allora di tenere viva la memoria di quel periodo con un restauro non troppo appariscente e rispettoso nella ripulitura delle scritte che ora sono tornate a stagliarsi in bella vista sui muri delle tre abitazioni. Un'operazione che ha fatto molto parlare di sé negli ultimi giorni, non solo tra gli abitanti del paese ma anche nell'opinione pubblica. Tutti divisi tra chi non ha esitato a dar subito ragione al sindaco e alla sua scelta di tenere viva la memoria storica e chi invece ha trovato di cattivo gusto riportare in auge gli slogan di una dittatura sfociata nell'adesione alla seconda Guerra Mondiale. Per adesso le scritte restano e sono già stati numerosi i curiosi e i "nostalgici" arrivati a Cison per fotografarle.

Scritte_Cison-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Detrazioni fiscali: tracciabilità obbligatoria per le spese del 2020

  • Diabete e retinopatia, il prof. Bandello: "Siamo all'avanguardia, ma ancora pochi screening"

  • Attacco cardiaco porta via alla vita Maria Fernanda, giovane mamma 31enne

  • Chiudono "Rosa e Baffo" e pub "Rosa": piazza di Bonisiolo deserta

  • Tensione in tribunale, avvocato perde la testa e aggredisce il giudice

  • Lanciamissili abbandonato in un fossato, giallo a Ponzano Veneto

Torna su
TrevisoToday è in caricamento