Spray al peperoncino dentro Carpisa, dipendenti e clienti costretti a uscire in strada

La vicenda nel pomeriggio di lunedì 25 novembre all'interno del punto vendita di Via XX Settembre a pochi metri di distanza da Piazza dei Signori. Si sospetta un tentato furto

Il negozio Carpisa in via XX Settembre a Treviso

Colpi di tosse, occhi arrossati e difficoltà a respirare per clienti e dipendenti del negozio Carpisa in via XX Settembre a Treviso. Nel pomeriggio di lunedì 25 novembre una piccola quantità di spray al peperoncino sarebbe stata spruzzata di nascosto all'interno del punto vendita costringendo una quindicina di persone presenti all'interno a uscire in strada e a chiamare sul posto la polizia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come riportato da "Il Corriere del Veneto" si sospetta che il gas urticante sia stato spruzzato da qualcuno intenzionato a mettere a segno un furto anche se, dai primi controlli, tutte le merci presenti all'interno del negozio sembravano essere rimaste al loro posto. Grande stupore tra i passanti che hanno assistito alla scena con clienti e dipendenti costretti a uscire per colpa degli effetti dello spray. Nessuno dei presenti ha avuto bisogno di cure mediche, l'infiammazione è passata dopo pochi minuti anche se ora resta il dubbio se sia trattato di un tentato furto o semplicemente di uno scherzo di cattivissimo gusto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Misteriosa scia luminosa solca i cieli tra le province di Treviso e Venezia

  • Famiglia Zoppas in lutto: morto a soli 55 anni il noto manager Marco Colognese

  • Sparisce di casa andando a fare la spesa: ritrovato nella notte

  • Finisce in acqua mentre gioca in giardino, bimba di due anni muore annegata

  • Coronavirus, oltre 10mila contagi in Veneto: cinque morti nella Marca

  • Male incurabile, addio a Lorenza Pampagnin: anima del commercio locale

Torna su
TrevisoToday è in caricamento