Il rilancio di Stefanel: pronta la nuova collezione donna

La sfilata si è svolta nella Sala delle Vele all'interno della storica sede di Ponte di Piave. La collezione pensata dalla nuova Direttrice Creativa Sarah Lawrence e dal suo team

In foto gli abiti della nuova collezione donna

Stefanel risponde alla crisi presentando la collezione donna autunno/inverno 2020-2021 e riparte dal knitwear per dare avvio al nuovo corso aziendale. La proposta è frutto della collaborazione con la responsabile della direzione creativa recentemente insediata nell’azienda trevigiana, la stilista Sarah Lawrence, che ha disegnato i capi con il team interno.

Sarah Lawrence è entrata in Stefanel nel luglio 2019. Forte di un’esperienza ventennale nell’ambito del design della moda, ha collaborato con prestigiose realtà del settore quali Tommy Hilfiger, Emilio Pucci, Givenchy, Brioni Donna, oltre che per brand emergenti e primarie scuole di design come, ad esempio, la Central St Martins di Londra. La collezione è stata presentata presso la Sala delle Vele nella storica sede trevigiana di Stefanel alla presenza dei dipendenti, degli store manager, dei partner e dei clienti italiani ed esteri. L’evento rappresenta contemporaneamente un traguardo e un nuovo punto di partenza che rafforza ulteriormente la volontà di dare continuità alle attività. Per l’autunno/inverno 2020-21 Stefanel ha deciso di proseguire in linea con l’estate prendendo spunto dalle due anime che caratterizzano il brand: “Metropolitan Jet Set” che accompagna nella quotidianità la donna impegnata al lavoro e “Heritage Land” pensata invece per il tempo libero, per il weekend fuori porta alla ricerca della natura. Grande attenzione è stata riservata alla scelta dei tessuti e dei filati, privilegiando i prodotti made in Italy per i capi iconici. La collezione, come un viaggio a tappe tra le bellezze dell’Italia, prevede quattro immissioni di capi nei negozi, ciascuna di esse fortemente caratterizzata. La capsule “Venice”, che introduce la nuova stagione, si ispira all’arte contemporanea esposta nella città lagunare, veste una donna dinamica e sicura di sé che ama bilanciare i colori accesi e stampe decise con le linee pulite e femminili dei capi basici per un ritorno al lavoro pieno di energia. A seguire il drop “Dolomiti”, capi caldi e confortevoli dal taglio contemporaneo che invitano a ritrovare se stessi nella natura che si distinguono per la fattura artigianale dei dettagli e le grafiche animalier dei colori della terra.

Immagine 4-2-3

L’autunno/inverno di Stefanel troverà però piena espressione con “Rome” la linea sofisticata ed elegante ispirata alla bellezza della città eterna che propone il knitwear di qualità che contraddistingue Stefanel. Una palette di colori che parte dai toni neutri dei sontuosi palazzi romani fino ai rossi accesi e al classico blu navy, che colora con raffinatezza le lane merino, il cashmere, l’alpaca bouché e la seta. E infine “Tuscany” che si declina a sua volta in una linea dedicata al leisure con tweed e velluti da abbinare alla maglieria senape per accompagnare le donne nei momenti di svago e relax alla scoperta dei sapori e dei profumi delle colline toscane e in “Tuscany in Christmas” pensata per le feste scintillanti e le serate di gala con dettagli in lurex e pregiati filati di seta e velluto cangiante. Il commissario straordinario avvocato Raffaele Cappiello, presente all'evento, ha ringraziato tutti i dipendenti, sottolineando come l’evento confermi la piena operatività aziendale e le potenzialità del marchio nonché dell’esperienza maturata in oltre 60 anni di attività che potranno trovare la migliore valorizzazione nell'ambito del programma presentato al Ministero dello Sviluppo economico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, c'è la prima vittima a Treviso: è una donna di 75 anni

  • Lascia un biglietto d'addio poi si toglie la vita a soli 39 anni

  • Trovata morta nella culla a soli 5 mesi: addio alla piccola Azzurra

  • Malore fatale al lavoro: padre di due bambini muore a 31 anni

  • Operaio con febbre alta: «Ero a Vo'». Dipendenti tutti a casa alla "Breton"

  • Malore fatale: il cuoco dell'osteria Al Baston muore a 59 anni

Torna su
TrevisoToday è in caricamento