Stradella di San Pelaio: i residenti chiedono al Comune di metterla in sicurezza

La segnalazione del politico Luigi Calesso. «Strada insidiosa, a doppio senso di marcia, che potrebbe diventare ancora più pericolosa con l'apertura della Pedemontana»

Una delle curve più pericolose della stradella di San Pelaio

Via Stradella di San Pelaio è una stradina che corre sul lato sinistro dell'arteria principale di San Pelaio (per chi proviene da Ponzano) e che viene molto utilizzata nelle ore di punta per evitare il traffico molto intenso su Strada San Pelaio e su Viale della Repubblica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La stradella, però, è molto stretta (è difficile per due auto passare contemporaneamente), costeggiata da fossati e con diverse curve molto accentuate. Insomma, si tratta della classica “strada di campagna”, inadatta a sopportare il pesante traffico automobilistico che la caratterizza in alcune ore del giorno. A segnalare la problematica è stato Luigi Calesso di Coalizione Civica che ha commentato il problema con queste parole: «I residenti in zona mi riferiscono di incidenti stradali e uscite di strada delle auto, avvenuti o evitati per poco, a causa, appunto dell’incrociarsi dei veicoli: nonostante le dimensioni e le caratteristiche, infatti, la stradella è a doppio senso di marcia il che ne favorisce l’uso come alternativa agli assi viari più importanti e congestionati. Da diversi anni i residenti a San Pelaio chiedono degli interventi per la messa in sicurezza della stradella, a cominciare dalla trasformazione a senso unico che ridurrebbe molto la pericolosità della via e, contemporaneamente, ridurrebbe il carico di traffico dovuto al suo utilizzo come via di sfogo rispetto a Strada San Pelaio o a Viale della Repubblica. La situazione potrebbe ulteriormente peggiorare - sostiene Calesso - se su San Pelaio si scaricherà, come pare possibile, una parte del traffico diretto da e verso la Pedemontana. Finora non mi risulta che nulla sia stato fatto e che nessun intervento sulla Stradella sia stato programmato da questa amministrazione. Mi chiedo - conclude Calesso - se non sia arrivato il momento di valutare seriamente qualche iniziativa, sia il senso unico o siano altre, per mettere in sicurezza una strada di cui da molto tempo è nota la pericolosità, soprattutto negli orari di punta. I cittadini di San Pelaio attendono da troppo tempo una risposta a queste richieste».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Malore improvviso durante la gita in bici: morto Carlo Durante, oro paralimpico nel '92

  • Malore fatale, il titolare della pizzeria "Da Max" muore a 52 anni

  • Partita la maxi campagna vaccinale per 15mila ragazzi trevigiani

  • Camion carico di pollame finisce sulla pista ciclopedonale

  • Tragico schianto contro un'auto, muore motociclista 61enne

  • Il direttore generale della Uls 2: «E' una tragedia, così riparte l'infezione e non sarà mai finita»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento