Studenti e docenti degli Istituti Filippin in Kenya per un progetto di volontariato

Dal 14 luglio al 24 agosto sono tre i gruppi, che con partenze scaglionate, raggiungeranno il Mwangaza College di Nakuru e l’orfanotrofio Child Discovery Center

foto del gruppo di volontariato in Kenya tra cui i ragazzi degli Istituti Filippin: Baù Giovanni, Forlin Benedetta e Torresan Gregorio

PADERNO DEL GRAPPA “Vedere Uscire Scegliere” questo il nome del progetto – promosso da Lasalliani Senza Frontiere e Considera (Rete Lasalliana solidale) – che coinvolge studenti e docenti degli Istituti Filippin-La Salle International Campus nelle attività di volontariato in Kenya.  Tre ragazzi, due insegnanti ed il Coordinatore del progetto, sono partiti a metà luglio da Paderno del Grappa per affrontare quest’esperienza di prossimità e calarsi in un contesto culturalmente e socialmente differente da quello cui sono abituati.

Il progetto “Vedere Uscire Scegliere” è promosso su scala nazionale dai Fratelli delle Scuole Cristiani e interessa tutta la rete delle Scuole Lasalliane, ma è aperto anche a tutti coloro che desiderano partecipare. Dal 14 luglio al 24 agosto sono tre i gruppi, che con partenze scaglionate, raggiungeranno il Mwangaza College di Nakuru e l’orfanotrofio Child Discovery Center (CDC). Il primo gruppo composto da ragazzi tra i 17 e i 20 anni, tra cui anche gli allievi ed ex allievi degli Istituti Filippin è partito il 14 luglio; il secondo gruppo formato da ragazzi dai 20 ai 31 anni è partito il 24 luglio mentre l’ultimo gruppo “misto” con partecipanti tra i 20 e i 40 anni partirà il 4 agosto e attraverserà il confine per entrare in Uganda a Moroto accompagnati da un’altra Ong Africa Mission, per svolgere attività ricreative in orfanotrofio.

La collaborazione tra gli Istituti Filippin e alcune realtà appartenenti alla Congregazione dei Fratelli delle Scuole Cristiane nel mondo è nata 15 anni fa, con la partecipazione ad alcuni progetti di volontariato in Burkina Faso che hanno ampliato il volontariato territoriale su scala più ampia.  “Decidere di partire per affrontare un’esperienza di questo tipo – precisa Sileno Rampado, Direttore La Salle International Campus - Istituti Filippin - significa dare forma in maniera concreta al messaggio lasalliano che da sempre il nostro Istituto s’impegna a trasmettere agli allievi. Aiutare un fratello equivale ad aiutare una comunità intera.Per i ragazzi è importante anche l’approccio successivo all’esperienza, basato su un nuovo modo di vedere, sul cambio di prospettiva, che spesso suscita il bisogno di cimentarsi in nuove attività di volontariato”.

I ragazzi e i docenti alloggiano al Mwangaza College, condividendo i pasti nella casa dei Fratelli Cristiani.  Qui, al college di Nakuru, quest’ultimi educano ogni anno circa 300 giovani, recuperandoli dall’abbandono scolastico e formandoli in settori professionali specializzati che permettono loro un rapido inserimento nel mercato del lavoro. La mattina infatti, i nostri studenti affiancano i ragazzi nelle attività del college: corsi di cucina, disegno su tessuti, corsi per estetista, laboratorio di computer nonché altri corsi di rieducazione al lavoro. Il pomeriggio invece, si fa visita all’orfanotrofio CDC che raccoglie i bambini dalla strada o da altre situazioni particolarmente difficili.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Si tratta di un’esperienza di prossimità – dichiara Enrico Sommadossi - Coordinatore per progetti a livello nazionale del Tavolo Pastorale di Volontariato dei Fratelli delle Scuole Cristiane - che permette ai ragazzi di apprezzare e comprendere la diversità costruendo rapporti interpersonali. Un invito a vedere e capire, ad uscire per incontrare, per comprendere e scegliere. Quest’esperienza li aiuta ad orientarsi nella vita, a confrontarla con la nostra situazione attuale, a cogliere l’aspetto educativo dal rapporto umano con l’altro. Effetto sicuramente più duraturo di un’azione di aiuto concreta in quanto il legame umano resta nel tempo”. Gli studenti degli Istituti Filippin che hanno partecipato: Baù Giovanni, Forlin Benedetta, e Torresan Gregorio. Docenti accompagnatori: Mauren Melia e Ferrari Ludovica Coordinatore: Enrico Sommadossi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bar presi d'assalto, Zaia furioso: «Se continua così chiudo tutto»

  • Malore fatale, il titolare della pizzeria "Da Max" muore a 52 anni

  • Tragico schianto contro un'auto, muore motociclista 61enne

  • Madre di un figlio di 11 anni muore dopo una lunga malattia

  • Malore improvviso durante la gita in bici: morto Carlo Durante, oro paralimpico nel '92

  • Il direttore generale della Uls 2: «E' una tragedia, così riparte l'infezione e non sarà mai finita»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento