Susegana Festival, Crepet fra i protagonisti della kermesse sulle colline del Prosecco

L'evento dedicato alla piccola e media editoria, nota proprio come “Libri in cantina”, quest’anno è in programma da il 4 e 6 ottobre nel suggestivo Castello San Salvatore

Fa paura, il cambiamento. Ma “quello che appare come la fine, spesso è solo un nuovo inizio, per ripartire e cambiare quello che non ci piace”: parola di Paolo Crepet, il popolarissimo psichiatra, sociologo e saggista che sarà fra i protagonisti della 17^ edizione di Susegana Festival, la kermesse della piccola e media editoria nota proprio come “Libri in cantina”, quest’anno in programma da venerdì 4 a domenica 6 ottobre nel suggestivo Castello San Salvatore. Paolo Crepet “in cantina”, dunque, fra gli autori, i libri e gli editori di un festival caleidoscopico che quest’anno parlerà al suo pubblico di “Rinascite”, tema che la direttrice artistica Emanuela Cananzi propone come un augurio e insieme una sfida, in questi anni di incombente crepuscolo economico e di valori. “Rinascite” come germogli di futuro, e Paolo Crepet sarà al festival – sabato 5 ottobre, alle 16 nella Sala dei Conti di Treviso, al Castello di Susegana – nel segno di un dialogo che punta ad “Educare alla rinascita”, in dialogo con la giornalista Federica Augusta Rossi: oggi cadere, fallire, perdere la strada sembrano eventualità inaccettabili.

Da che cosa ripartire per trasformare un momento buio in una risorsa? E soprattutto come insegnare ai più giovani che ogni fallimento può essere una rinascita? «Tutte le ripartenze iniziano dall’autostima per vedere scenari differenti, scegliere strade professionali nuove, sperimentarsi in contesti diversi», sottolinea Crepet. Non a caso a questa rigenerazione lo psichiatra ha dedicato un libro dal titolo emblematico, “Il coraggio”, (Mondadori, 2017) e ne ha fatto un filo rosso che attraversa tutte le sue ultime riflessioni: come il recentissimo saggio “Passione” (Mondadori, 2018), intesa proprio come rinascita; un invito a non arrendersi al fluire ineluttabile delle cose, a perseguire con ostinazione ed entusiasmo le proprie aspirazioni, e riappropriarsi con coraggio della forza più potente che ci rende liberi e vivi. E come nell’ultimo libro firmato a quattro mani con Alessandra Arachi, “Perché finisce un amore” (Solferino, 2019), un flusso di coscienza collettivo che scava nel vissuto dei protagonisti per indagare il significato delle sconfitte e aiutarci a ritrovare noi stessi.

Psichiatra di fama internazionale, Paolo Crepet è esperto nel campo della psichiatria sociale e della ricerca sul tentato suicidio, si è reso promotore di progetti innovativi e di rottura contro la psichiatria tradizionale fondata sul manicomio e sulle case di cura private. È stato membro del Consiglio Europeo della Federazione Mondiale della Salute Mentale e Consulente Associato del Centre for Mental Health Services Development del King’s College di Londra. Dal 2013 è membro del gruppo di lavoro G124 dell’Architetto Renzo Piano presso il Senato della Repubblica sulla riqualificazione delle periferie. Con Monica Guerritore ha anche portato in scena un reading – spettacolo dedicato a “Il coraggio. Vivere, amare, educare”.

Promossa dal Comune di Susegana e curata dall’Associazione Inarteventi - in collaborazione con associazioni e istituzioni culturali del territorio: ArcheoSusegana, Università di Susegana, Gruppo lettori “Sediciparole” - la 17^ edizione del Festival “Libri in cantina” trasformerà il centro storico e il castello in una cittadella-festival, aprendosi a un dedalo di location dal castello San Salvatore alla piazza di Susegana, dalla Biblioteca alle altre sedi comunali. Fra i protagonisti le attrici Marina Massironi e Nicoletta Fabbri, la scrittrice Lidia Ravera, l’autrice Michela Monferrini, l’economista Leonardo Becchetti, l’autrice e chirurgo Valeria Tonini, il giornalista e attivista Andrea Degli Innocenti fondatore di «Italia che cambia». Tutti gli eventi sono a ingresso libero.

Paolo-Crepet-3

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tumore incurabile, il sorriso di Giorgio De Longhi si è spento a 57 anni

  • Diabete e festività: come scegliere i cibi senza rinunce

  • Schianto contro un'auto mentre torna da lavoro, muore operaio 49enne

  • Incidente in motorino, Roberto Artuso muore dissanguato in Congo

  • Legato in un bosco e picchiato per vendetta: nei guai anche un'influencer trevigiana

  • Picchia un bambino per rubargli la borsa della madre: panico fuori dall'asilo

Torna su
TrevisoToday è in caricamento