Trasferito dopo 24 anni di servizio: il paese ringrazia il sottotenente Ferraiuolo

Saluto commosso a San Polo di Piave, durante il consiglio comunale, per il sottotenente dei carabinieri che sarà trasferito a Treviso. Il sindaco gli ha consegnato una targa al merito

Commozione e riconoscenza hanno caratterizzato il consiglio comunale svoltosi martedì sera, 12 febbraio, a San Polo di Piave durante il quale l’amministrazione comunale ha voluto consegnare un riconoscimento al sottotenente dei carabinieri Vincenzo Ferraiuolo che, dal 1995, ha prestato servizio a capo della locale stazione dei carabinieri.

Oltre al sindaco, Diego Cenedese, ai componenti del consiglio comunale, erano presenti anche il Maggiore Salvatore Gueli, comandante della compagnia di Conegliano che al termine del consiglio ha voluto ringraziare il sottotenente e l'amministrazione per l'ottima collaborazione di tutti questi anni con la locale stazione dei carabinieri e il comandante del Corpo intercomunale della polizia di San Polo, Ormelle, Cimadolmo e Vazzola, Claudio Zuanetti. Presente, in rappresentanza delle precedenti amministrazioni, l'ex sindaco Vendemmiano Sartor mentre erano assenti per motivi di lavoro e personali gli altri due sindaci, Andretta e Vendrame, che hanno servito durante il periodo di permanenza in San Polo del sottotenente. Un saluto ed una gratitudine che arrivano dopo 24 anni di servizio in concomitanza con il trasferimento di Ferraiuolo a Treviso per un altro incarico – essendo uno tra i più giovani sottoufficiali che ha superato concorso per passare ufficiale - e che l’amministrazione ha voluto sottolineare consegnando una targa di riconoscimento.

«Con questo incontro – ha commentato il sindaco, Diego Cenedese - vogliamo sottolineare anche il lavoro e l’impegno non solo dei carabinieri, ma di tutte le forze dell’ordine presenti sul territorio che con abnegazione e senso del dovere vigilano e tutelano la sicurezza dei cittadini. Esprimo un particolare ringraziamento al sottotenente Ferraiuolo che si è integrato alla perfezione all’interno della nostra comunità sin dal suo arrivo, rispettando ruoli e compiti di ognuno di noi. Se il nostro territorio è tutt’ora percepito come “protetto” e “sicuro” rispetto ad eventi delinquenziali, lo si deve anche all’intero corpo dei carabinieri che ha saputo vigilare e debellare sul nascere episodi malavitosi. Mi piace sottolineare anche gli ottimi rapporti che sempre è riuscito ad instaurare durante il suo periodo di servizio nel nostro comune con il sottoscritto e con le varie amministrazioni che mi hanno preceduto, al fine di operare uniti ed ottenere risultati importanti in termini di sicurezza e controllo del territorio, che comprende anche i comuni di Cimadolmo e di Ormelle. Tuttavia, e nonostante spesso il numero dell’organico non sia stato perfettamente adeguato, i carabinieri sono riusciti a tenere sotto controllo i tre comuni, al punto che i dati parlano di una realtà tranquilla nella quale i reati rientrano nell’ordine della normalità. Il comandante Ferraiuolo ha posto in essere attività sinergiche con le istituzioni pubbliche ed in particolare con la polizia locale intessendo rapporti di grande collaborazione, tesi a fornire a tutta l’utenza il massimo dei servizi e a garantire al meglio il bene della collettività, dimostrando alta professionalità e spiccato senso del proprio dovere, nel pieno rispetto delle leggi dello Stato. Al sottotenente Vincenzo Ferraiuolo va il nostro riconoscimento per la sua competenza ed efficienza a servizio della cittadinanza tutta, che gli è grata».

Manutenzione straordinaria pista polivalente

Nell'ambito del consiglio di martedì sera è stata anche approvata la variante al piano triennale delle opere pubbliche 2019-2021 che prevede l’inserimento di un nuovo finanziamento di 50 mila euro ricevuto dallo Stato a seguito della recente legge di Bilancio. Il finanziamento, insieme ad altri 52 mila euro di fondi propri per un totale di 102mila euro - sarà impiegato per la messa in sicurezza della struttura della pista polivalente - usata da molte società sportive e per molte manifestazioni anche nazionali legate a varie discipline quali skating, calcio, basket e volley - che da anni necessitava di interventi sulla copertura e sugli impianti.

Potrebbe interessarti

  • Crisi cardiaca alla festa di nozze: bimbo di un mese perde la vita

  • Malattia incurabile: papà trevigiano muore a soli 38 anni

  • Malattia incurabile: morto il titolare della pizzeria "Da Gennaro"

  • Bambina di tre anni "dimenticata" all'interno di uno scuolabus

I più letti della settimana

  • Prostitute a casa dei clienti, 200 euro a prestazione: tra le squillo anche una minorenne

  • Crisi cardiaca alla festa di nozze: bimbo di un mese perde la vita

  • Malattia incurabile: papà trevigiano muore a soli 38 anni

  • L'addio a "Pina", il marito: «Farò di tutto perché sia fatta giustizia»

  • Si schianta con la bici contro un'auto sul Montello, 41enne in coma

  • Christian al giudice: «Non l'ho violentata, è stato sesso consensuale»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento