Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Rischio schianto tra aerei al "Canova": «Ognuno si assumerà le sue responsabilità»

Parla Giulio Corradetti, presidente del "Comitato No Aeroporto Treviso". Zanoni (PD): «Episodio gravissimo»

 

«Quanto accaduto lo scorso 7 maggio al Canova è gravissimo, anche se fortunatamente non ci sono state conseguenze. Adesso attendiamo l’esito dell’inchiesta dell’Ansv (Agenzia nazionale per la sicurezza in vol), ma è certo che bisogna prima investire in sicurezza e dopo pensare ai piani di sviluppo». Andrea Zanoni, consigliere del Partito Democratico, commenta così l’episodio dei due Boeing, uno in decollo e l’altro in atterraggio, che si sarebbero potuti scontrare sulla pista trevigiana la mattina del 7 maggio scorso.

«Una tragedia evitata per pochissimi secondi e che non può non chiamare in causa la crescita esponenziale dei voli. Il numero massimo, fissato nel 2007 dal ministero dell’Ambiente, è 16.300, limite che normalmente superato già a settembre. E ora, con il nuovo masterplan, Save ha ottenuto un incremento fino a 22.500 voli annui. È ovvio che se aumentano i voli, aumenta anche il rischio di incidenti, è una questione di probabilità matematiche, non un’opinione a maggior ragione se uno scalo, come il Canova, ha l’uso alternato di una sola pista. È indispensabile investire in sicurezza, mancano sistemi radar adeguati: non è possibile che l’unico strumento di controllo del traffico sia ‘a vista’ dalla finestra della torre di controllo. In una situazione del genere permettere migliaia di decolli e atterraggi annui ‘in deroga’ ai moderni sistemi di sicurezza lo trovo estremamente pericoloso, specie se consideriamo l’area altamente popolata su cui insiste l’aeroporto».

Potrebbe Interessarti

Torna su
TrevisoToday è in caricamento