Esecuzioni immobiliari, l'allarme degli avvocati: investitori in fuga

Il tribunale di Treviso è in affanno per carenze di personale amministrativo, udienze fissate a cinque anni dall’inizio dei pignoramenti e atti telematici che vengono scaricati solo in prossimità, se non oltre, la scadenza fissata

Massimo Sonego

La sezione delle esecuzioni immobiliari del tribunale di Treviso è in affanno: tra carenze di personale amministrativo,  udienze fissate a cinque anni dall’inizio dei pignoramenti e atti telematici che vengono scaricati solo in prossimità, se non oltre, la scadenza fissata, molti investitori preferiscono volgere altrove i loro interessi.  “Il grosso problema di Treviso – afferma il presidente dell’ordine degli avvocati di Treviso Massimo Sonego in occasione della assemblea degli avvocati del Triveneto - è la tempistica soprattutto nel settore delle esecuzioni immobiliari: oggi si fissano ai primi mesi del 2019  le udienze di comparizione parti di pignoramenti eseguiti nel 2015. Va dato atto che da quando la sezione esecuzioni ha beneficiato dell’innesto di due magistrati due anni fa la situazione è migliorata. Ma complessivamente  il problema c’è ed  è serio. Si parla di processo civile telematico e informatizzazione, ma qui manca, molto semplicemente, il personale amministrativo che, dove c’è, spesso è prossimo alla pensione e non viene rimpiazzato”. Col risultato che, ad esempio, le buste telematiche relative alle esecuzioni non vengono quasi mai scaricate in tempo utile. Quindi, se oggi avviene il deposito per via telematica di un ricorso in opposizione ad una esecuzione e l’udienza è fissata tra quattro mesi, il giudice leggerà materialmente l’atto, e il condizionale è d’obbligo, il giorno prima dell’udienza stessa. “Lo scarico delle cosiddette  buste telematiche avviene solo in prossimità delle udienze perché il personale è poco e non riesce a stare dietro alla mole di lavoro. Ma si sono anche verificate situazioni in cui il giudice dell’esecuzione – prosegue Sonego -  si trova davanti gli avvocati delle parti  senza avere conoscenza di istanze presentate dalle parti stesse semplicemente perché non sono state scaricate. Risultato? Un rinvio. Il processo civile telematico, bisogna ricordarlo, è uno strumento. Ma non fa il lavoro da solo al posto del personale”. Il problema sembra colpire a Treviso più che altrove in Veneto con riflessi pesanti su come il sistema giustizia della provincia viene percepito all’esterno.  “La principale preoccupazione di un investitore straniero che vuole investire a Treviso è la tempistica del recupero dei crediti nel momento in cui dovesse sorgere un problema. E quando viene reso edotto della situazione, va a investire altrove. – spiega Sonego – Cito un caso personale: un paio di anni fa sono stato contattato da uno studio legale britannico che chiedeva un parere sull’efficienza del sistema giustizia nella marca trevigiana. Questo studio operava per conto di un gruppo inglese intenzionato  a fare investimenti immobiliari a Treviso: quando hanno letto la relazione ci hanno salutato e hanno tolto il disturbo. La tempistica del recupero crediti è la prima cosa che ti chiedono prima di investire un solo euro”.

Patrizia Corona-2

L’ordine, conclude Sonego, è assolutamente disponibile a collaborare con il tribunale per migliorare la situazione della sezione esecuzioni. “Abbiamo già messo a disposizione degli uffici della procura due persone riconoscendo, come ordine, un rimborso forfettario per l’attività che svolgono – afferma - Si tratta di personale in pensione che svolge questa attività per spirito di servizio. L’iniziativa funziona ed è giunta al quarto anno. Se si volesse estenderla anche ad altri uffici, noi siamo pronti a fare la nostra parte”. Nel corso dell’assemblea in programma domani saranno presentate anche le linee guida elaborate dalla commissione istituita dall’unione  dei consigli degli ordini degli avvocati del triveneto  in materia di immigrazione. “L’unione triveneta ha ritenuto di dover dare il proprio contributo in questo settore a seguito delle difficoltà che si sono manifestate nella gestione  delle numerosissime richieste di protezione internazionale e il conseguente aumento del contenzioso degli uffici giudiziari – spiega Patrizia Corona, presidente dell’unione triveneta dei consigli dell’ordine degli avvocati -  Le linee guida  elaborate vogliono quindi essere un contributo per l’armonizzazione delle prassi dei tribunali, ma  anche per lo snellimento dei carichi di lavoro di tutti gli operatori  al fine di un rapido ed efficace accertamento  della sussistenza o meno dei diritti dei richiedenti la protezione. L’unione ed i singoli consigli dell’ordine degli avvocati del triveneto si faranno poi annualmente promotori  di uno o più corsi di alta formazione aperti anche a magistrati, interpreti, personale di polizia e addetti alle strutture di accoglienza in quanto la specificità e complessità delle procedure per l’accertamento della protezione internazionale e l’esigenza che un diritto inviolabile, come quello all’asilo, trovi una tutela effettiva nelle procedure giudiziali,  richiedono che gli avvocati, ma anche tutti gli altri operatori  siano dotati di adeguata formazione, per quanto possibile condivisa”.

L’appuntamento con l’assemblea degli avvocati del triveneto è fissato per  domani, sabato 17 novembre 2018 alle ore 10 presso il Museo Luigi Bailo – Galleria del Novecento- Borgo Cavour 24 Treviso

Interverranno, tra gli altri:

Patrizia Corona - Presidente dell’Unione Triveneta dei consigli dell’Ordine degli avvocati

Massimo Sonego - Presidente dell’Ordine degli avvocati di Treviso

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Attualità

    Sede unica per Inps e Ulss 2: siglato l'accordo

  • Attualità

    Concordato Stefanel, Furlan: «I lavoratori vogliono chiarimenti»

  • Cronaca

    Occuparono alloggio Ater, assolti in otto del Collettivo Ztl

  • Cronaca

    Delitto di Rolle, perizia della difesa sul dna: "C'è stata contaminazione"

I più letti della settimana

  • Cadavere ritrovato nel Piave, è l'imprenditore scomparso da Farra

  • Si ubriaca prima di entrare in classe, insulta la prof e collassa

  • Schianto nella notte sulla Pontebbana, grave un 18enne

  • Addio Home Festival: Treviso lo rimpiazza con il "Core Festival"

  • Natale a Treviso: c'è anche la sorella di Chiara Ferragni

  • Operaia Electrolux trovata morta in casa, colleghi in lutto

Torna su
TrevisoToday è in caricamento