Comuni ricicloni, Treviso è il primo capoluogo d’Italia

Vedelago, invece, è il migliore tra i Comuni veneti sopra i 15mila abitanti: qui la differenziata ha raggiunto l’86% e il secco residuo si ferma a soli 40,3 kg/ abitante. Al secondo posto troviamo Paese e al terzo Preganziol

L'assessore Manera di Treviso e Marin di Vedelago premiati con il presidente Pavanetto

Si sono svolte a Roma le premiazioni dei Comuni Ricicloni 2019 e anche quest’anno i Comuni serviti da Contarina vengono riconosciuti i migliori nella gestione dei rifiuti. Treviso è il primo capoluogo d’Italia, confermando ancora una volta gli ottimi risultati ottenuti nella raccolta differenziata che si attesta all’85,7%, un dato che nessun altro capoluogo di provincia italiano ha raggiunto, con una produzione di secco residuo pari a 66,9 kg/abitante. Vedelago, invece, è il migliore tra i Comuni veneti sopra i 15mila abitanti: qui la differenziata ha raggiunto l’86% e il secco residuo si ferma a soli 40,3 kg/ abitante. Al secondo posto troviamo Paese e al terzo Preganziol. Nella categoria dei Comuni veneti tra i 5 e 15mila abitanti ben 12 Comuni dei primi 20 Comuni sono serviti da Contarina.

Un vero e proprio successo, che dimostra l’efficacia del modello di gestione dei rifiuti applicato da Contarina nel territorio, nonostante i criteri di valutazione del concorso siano sempre più stringenti. Per essere certificati come “ricicloni”, i Comuni – oltre ad adottare una corretta raccolta differenziata – devono ridurre la produzione di secco residuo, mantenendola sotto i 75 kg/ab all’anno. Con questi parametri, in Italia i Comuni Ricicloni e rifiuti free sono 547 su 8.055 Comuni presenti in tutta Italia, solo il 7%. In Veneto, invece, il dato è completamente ribaltato e la percentuale sale al 30%; i Comuni Ricicloni e rifiuti free sono 169 su 563. Dati che testimoniano come il nostro territorio – e in particolare la Marca trevigiana – rappresenti un vero distretto green, capace di investire e innovare nel settore della sostenibilità ambientale.

Capofila della delegazione di amministratori presenti a Roma per le premiazioni, Franco Zanata, Presidente di Contarina, commenta soddisfatto: «I risultati che emergono da questa edizione dei Comuni Ricicloni sono innegabili e dimostrano come il nostro sistema di gestione dei rifiuti sia valido ed efficiente». «Questo è un riconoscimento prestigioso e importante, un’ulteriore testimonianza del valore e dell’efficacia del lavoro svolto e del costante impegno di cittadini e Amministrazioni nella tutela ambientale»: conclude il Presidente del Consiglio di Bacino Priula Giuliano Pavanetto. L'assessore alle politiche ambientali del comune di Treviso Alessandro Manera, ritirando il premio, dichiara: «Ringrazio principalmente i cittadini per aver permesso, anche quest’anno, il raggiungimento di un risultato importante che ci colloca ai vertici della classifica dei Capoluoghi del riciclo in Italia. Assieme al Sindaco e a tutta l'Amministrazione siamo orgogliosi del lavoro fin qui svolto, sapendo che resta una tappa per incrementare ancora la nostra performance». A lui si unisce anche l'assessore alle attività produttive Giorgio Marin di Vedelago: «Come amministrazione, siamo davvero orgogliosi di aver raggiunto il primo posto nella nostra categoria per il secondo anno consecutivo. Grazie a tutti cittadini per questo risultato».

Potrebbe interessarti

  • Male incurabile, giovane mamma perde la vita a soli 44 anni

  • Pioggia, vento e grandine: la Marca ancora nella morsa del maltempo

  • Lutto tra le colline del prosecco, addio a Fabio Ceschin

  • Sorgenti del Piave, la commissione di esperti conferma: «Sono in Veneto»

I più letti della settimana

  • Tragico frontale a Borgoricco, morto un prete di 82 anni

  • Preso a bastonate e soffocato con un cuscino: arrestate per omicidio

  • Si schianta contro un'auto con la Vespa, muore 45enne

  • Malore fatale nella notte, muore una 45enne

  • Malore fatale mentre fa jogging, stroncato da un infarto a 71 anni

  • Male incurabile, giovane mamma perde la vita a soli 44 anni

Torna su
TrevisoToday è in caricamento