Il 25 aprile a Treviso, la commemorazione solitaria del sindaco Conte

«Ciò che per noi, ormai 50 giorni fa, era diventato quasi “ordinario”, fra poco più di una settimana sarà per noi una riscoperta dello “straordinario”. C’è chi, per quella normalità che ora desideriamo ardentemente, ha dato la vita. C’è chi, nella Resistenza, ha vissuto nell’angoscia, nell’instabilità e nella precarietà»

Il 25 aprile del sindaco Mario Conte

Cari Concittadini,

come già accaduto in occasione di una giornata particolarmente sentita dalla comunità trevigiana, il 7 aprile, giorno del ricordo del bombardamento del 1944, oggi viviamo in modo inconsueto un’altra importante ricorrenza, il 75° Anniversario della Liberazione d’Italia dal nazifascismo.

Non possiamo vivere questo momento con la solennità e quel senso di comunità che solo la presenza fisica è in grado di conferire a una cerimonia in Piazza, ma abbiamo ritenuto comunque doveroso ricordare, anche attraverso la deposizione di corone di fiori sui cippi presenti nel territorio, gli uomini che hanno combattuto e le donne e i bambini che, nelle proprie case e con il timore di non rivedere più padri, mariti e fratelli, hanno continuato a vivere, crescere e sperare in un’Italia libera, democratica e fondata sui valori della famiglia e del lavoro.

In questo periodo di sosta forzata abbiamo potuto riflettere sulla nostra propensione alla libertà, sul nostro bisogno di muoverci e circolare liberamente. Abbiamo compreso, più che in ogni altra circostanza, la bellezza di esprimere le nostre emozioni nel calore e nella quotidianità dei luoghi a ciascuno più cari. 

Ciò che per noi, ormai 50 giorni fa, era diventato quasi “ordinario”, fra poco più di una settimana – compatibilmente con le decisioni che verranno prese dal Governo – sarà per noi una riscoperta dello “straordinario”.

C’è chi, per quella normalità che ora desideriamo ardentemente, ha dato la vita. C’è chi, nella Resistenza, ha vissuto nell’angoscia, nell’instabilità e nella precarietà.

IL 25 aprile si celebra anche San Marco, Santo Patrono di tutti i Veneti, un popolo che anche in questo momento di difficoltà, sta dimostrando di essere unito, solidale, ispirato dal senso di appartenenza e da una grande dignità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

W Treviso, W il Veneto, W l’Italia

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Nuovi contagi da Coronavirus nella Marca: in tre positivi al test sierologico

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

  • Legato e cosparso di benzina, folle lite in casa: indagano i carabinieri

Torna su
TrevisoToday è in caricamento