Misure anti-degrado, il sindaco Conte ci crede:«Diamo nuovi strumenti agli agenti»

L'opposizione attacca e sottolinea l'inutilità di tanti divieti: «I compiti della locale dovrebbero essere altri»

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

L'opposizione se la ride, pensando che altri dovrebbero essere i compiti degli agenti della locale costretti, per effetto del nuovo regolamento di polizia locale, a correre dietro ora a questo ora a quel giovanotto in cerca di una 'seduta'. Misure di gentiliniana memoria, più propagandistiche che altro, sottolineano. 

Il sindaco Mario Conte invece ci crede ed è convinto che le modifiche al regolamento, su cui sono ora al lavoro gli uffici, serviranno per garantire il decoro della città. Per il sindaco leghista si tratta di dotare gli agenti di strumenti nuovi che possano garantire il corretto uso degli spazi: vietato quindi sedersi per terra, stendersi sulle panchine o consumare cibi e bevande sotto la Loggia che d'ora in poi non potrà più essere utilizzata come palco improvvisato. 

Ma se modificare il testo di un regolamento sulla carta è un fatto puttosto semplice resta da vedere quanto il sindaco e la sua giunta ne daranno effettiva applicazione. Riusciranno gli agenti a pizzicare e a multare tutti trasgressori? Sul punto il sindaco ribadisce che si tratta di dotare gli agenti di strumenti, di educare al rispetto dei luoghi e non di fare cassa. E la multa a quanto ammonterà? «Tecnicismi - fa sapere il primo cittadino che assicura - Chi viene a Treviso per ammirarne cultura e bellezza è il benvenuto. Caso diverso per chi arriva e la città non la rispetta». 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Potrebbe Interessarti

  • Video

    Il centro di Treviso si illumina per il Natale: in migliaia presenti per l'accensione dell'albero

  • Video

    Rifiuti e riciclo: il vicepremier Di Maio sorpreso dall'efficienza di Contarina

  • Attualità

    Il black friday da incubo di Canal

  • Video

    Intimità violata: dalla Marca la petizione per chiedere una legge contro il "revenge porn"

Torna su
TrevisoToday è in caricamento