Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Tra Treviso e Silea la meraviglia delle opere d'arte urbana del Festival Anthropica

L'obiettivo del Comune di Treviso è rilanciare la Restera, il sindaco Mario Conte annuncia un nuovo programma di riqualificazione

 

l Festival Anthropica, organizzato dall’associazione La Pulperia e giunto quest’anno alla V edizione, unisce l’arte e la cultura alla valorizzazione del territorio urbano, a partire da uno dei luoghi più belli ed affascinanti di Treviso, la Restera del Sile, per arrivare ad altri luoghi meno noti, come il Parco dei Moreri a Silea, e meno affascinanti, come il sottopassaggio di Via Lanzaghe, sempre a Silea, riqualificato attraverso la realizzazione di un grande murale. Tra i principali interessi di Anthropica vi è infatti la produzione e diffusione dell’arte per le vie e le strade della città, attraverso murales ed altri interventi artistici, col desiderio d’abbellire il territorio e portare nella vita di ogni giorno il piacere per l’arte e la bellezza.

«Si parla sempre più spesso, nelle nostre Città, di arte urbana e siamo veramente felici di poter accogliere anche a Treviso queste opere che permettono di diffondere ulteriore bellezza e raccontare la sensibilità degli artisti -dice Mario Conte- Grazie a questi murales, scorci anche solo apparentemente nascosti ritrovano vitalità, suscitando l'interesse di passanti e visitatori. Ringrazio La Pulperia che, con il Festival Anthropica, ha intrapreso un percorso volto a diffondere arte e cultura».

A causa principalmente del perdurare del maltempo nel mese di maggio, ovvero quando erano previste le principali attività del festival, molti lavori artistici hanno subito ritardi, per concludersi finalmente nei giorni scorsi. Il tema di questa edizione, cui molte delle opere e degli interventi si ispirano, era “Le reti”, la cui declinazione è stata lasciata totalmente nelle mani degli artisti coinvolti. Di seguito le opere realizzate:

TREVISO, RESTERA (zona Ponte della Gobba):

- Stanislav Petrov,* ritratto - pittura muraria, di Augusto Aghi

- Ab Imis Fundamentis, tecnica mista, collettivo SUBSCULTURE

- Follow your dreams, stencil, di Manuel Giacometti

- Arte condivisa, pittura muraria, di Claudia Rossetti

- Tag “Secse”, graffiti - spray, di Secse One

- Una rete per salvare il mare, pittura muraria, di Anna Crema

- Reti strappate, tecnica mista marmorino ed acidi, di Franco Saladino Galleri

- Andiamo ad affrescare, piastrelle affrescate, di Gioiosa et Amorosa e Tarvisium Gioiosa

*Stanislav Petrov: soldato russo addetto ai sistemi di sicurezza che nel 1983 scongiurò una possibile guerra nucleare al rilevare un errore del sistema informatico dal disastroso potenziale

SILEA

- Porta di Silea - sottopasso di Via Lanzaghe: Murale di 50 mq circa rappresentante una mappa stilizzata del Comune di Silea, sì da delineare una sorta di porta d’ingresso al paese. Ad opera di Augusto Aghi e Sciospen

- Io gioco con l’arte, Parco dei Moreri: Installazione di 70 piastre dipinte a mano che rappresentano il gioco dell’oca, con possibilità per i bambini di giocarci. Ad opera del gruppo Arte Più Venezia

- Pagoda, Parco dei Moreri: murale ad opera di Claudio Bandoli, Silvia Possamai, Francesca Riz, del Treviso Comic Book Festival

Potrebbe Interessarti

Torna su
TrevisoToday è in caricamento