Lutto nel sindacato Cgil per la scomparsa di Lorenzo Zanata

E' stata una figura di riferimento per i pensionati e storico direttore dell’Inca Cgil. Venerdì 14 dicembre alle ore 15 all’Auditorium di via Dandolo la cerimonia di commemorazione

Lorenzo Zanata all'ultimo congresso provinciale della Cgil

«Un vuoto incolmabile per i pensionati e per tutta la Camera del Lavoro di Treviso». Con queste parole di tristezza e sconforto, Paolino Barbiero, segretario generale dello SPI CGIL di Treviso, rende nota la scomparsa di Lorenzo Zanata avvenuta il giorno 19 novembre, all’età di 71 anni. Dopo essere stato dipendente della ditta del tessile San Remo di Caerano di San Marco, Renzo, come tutti lo chiamavano, ha passato quasi 50 anni a respirare l’aria del Sindacato. Operatore dell’INCA dal 1970, poi responsabile del Patronato nel comprensorio di Treviso, dal 1983 e per 22 anni è stato direttore provinciale dell’INCA CGIL. In pensione dal 2005, dentro lo SPI ha proseguito tenacemente il suo impegno nel campo delle tutele e dei diritti previdenziali, entrando inoltre a far parte nel 2006, e fino alla sua scomparsa, del Comitato provinciale INPS di Treviso, che ha anche presieduto dal giugno 2010 al luglio 2014.

Un campo - quello delle tutele e dei diritti previdenziali - che Renzo ha coltivato per tutta una vita, approfondendo sempre di più la materia a livello normativo, arrivando lì dove pochi riuscivano ad addentrarsi e diventandone l’esperto riconosciuto da tutti, ma anche tessendo relazioni con i soggetti istituzionali del territorio, e oltre, che gli hanno sempre dimostrato massimo rispetto. Un campo coltivato bene, i cui frutti si sono tradotti nei tanti benefici in ambito previdenziale e di tutela individuale fatti valere per migliaia di lavoratori e pensionati. «Quante discussioni sulle normative previdenziali e assistenziali – ricorda commosso Paolino Barbiero – ma per Renzo dietro a quelle norme c’erano vite intere fatte di lavoro che andavano tutelate, difese, sostenute. C’era una passione smisurata per il fare e il fare bene, un fuoco vivo contraltare dei suoi modi pacati, riguardosi, composti, da signore quale è sempre stato, quell’uomo integro che ora possiamo solo ricordare».

E il Sindacato dei Pensionati e la CGIL di Treviso proprio per ricordarlo venerdì 14 dicembre si fermeranno chiudendo per l’intero pomeriggio tutte le sedi della provincia nell’onorarne la figura con una cerimonia di commemorazione programmata per le ore 15.00 all’Auditorium di via Dandolo a Treviso. Inoltre, insieme alla famiglia, lo SPI CGIL sta pensando di dar vita a una Fondazione in suo nome, per proseguire l’opera di Lorenzo Zanata attraverso un’ideale staffetta generazionale, mettendo a disposizione delle borse di studio per ricercatori che mirino a indagare il sistema previdenziale italiano e le sue evoluzioni.

Potrebbe interessarti

  • Tumore incurabile, il sorriso di Tiziana si spegne a soli 44 anni

  • Cena di sushi, 12 intossicati: isolati due focolai di gastroenterite

  • Trascinate dalla corrente: due sorelle rischiano di annegare nel Piave

  • Pranzo in pizzeria, famiglia scappa senza pagare il conto

I più letti della settimana

  • Morto in mare a Jesolo: indagati due bagnini

  • Tumore incurabile, il sorriso di Tiziana si spegne a soli 44 anni

  • Cena di sushi, 12 intossicati: isolati due focolai di gastroenterite

  • Infarto in casa, 50enne ricoverato in fin di vita

  • Ritrovata l'anziana sparita da casa in bicicletta: era svenuta in una vigna

  • Giovane investito sui binari: in tilt la linea Venezia-Udine

Torna su
TrevisoToday è in caricamento