Commercio in centro: chiude "Marè", negozio cult della moda mare

Giù le serrande della boutique di moda mare di Guido Pomini, ex presidente di Confcommercio per otto anni (2007-2014) e già proprietario dello storico negozio del Calmaggiore "Del Bo"

L'interno del negozio

Chiude il negozio di via Martiri della Libertà "Marè", aperto nel 2008 dapprima nel Quartiere Latino e da 6 anni spostatosi in via Martiri della Libertà. La bella boutique di moda mare di Guido Pomini, ex presidente di Confcommercio per 8 anni (2007-2014), e già proprietario dello storico negozio del Calmaggiore Del Bo, un marchio che ha 111 anni e che ancor oggi appartiene alla famiglia Pomini, abbassa la saracinesca, ma resta la vendita on line col sito www.marebeachware.com . E dal 22 al 31 ottobre le vetrine di via Martiri verranno oscurate per una breve ma interessantissima svendita. Occasione imperdibile per le amanti del buon gusto e le cultrici del Beachwear Made in Italy: capi  a prezzi eccezionalmente scontati nel negozio che è stato premiato come Top Retailer nazionale e che ha scoperto e lanciato nel mercato trevigiano, nazionale ed internazionale le collezioni italiane di costumi e moda mare migliori d’Italia ma di nicchia. Il negozio, disegnato dalla designer Martina Diral, è unico in Italia per caratteristiche: materiali totalmente naturali come legno e ferro, i colori neutri della sabbia e gli azzurri del mare, un visual originalissimo ed un’atmosfera unica, chiude per scelta e tutti gli arredamenti verranno anch’essi messi in vendita perché non vadano persi.

«Lascio -spiega Guido Pomini- dopo 40 anni di lavoro in negozio, 8 di impegno associativo, ed una intensa esperienza di e-commerce iniziata da 6 anni che peraltro prosegue ancora, per una scelta personale e per aprirmi a nuove esperienze. Intensifico l’esperienza di imprenditoria digitale che richiede continui aggiornamenti e passo alla consulenza nel retail perché, a 60 anni, ho ancora voglia di mettermi in gioco, entro nella mia ultima fase professionale e spero anche di ricavarmi un po’ di tempo per godermi amici, famiglia ed affetti.  La pensione è ancora lontana. Ogni chiusura è un nuovo inizio. Ringrazio Treviso, città viva e straordinaria, che mi ha consentito di fare il commerciante nel senso più vero ed autentico, ho avuto tante soddisfazioni e sono orgoglioso di aver vestito tante donne amanti del bello, dello stile e dell’eleganza. Sogno una città sempre più a misura di pedone, di famiglie e bambini, dove ci si possa sempre stupire e scoprirsi ad ammirare cose nuove».

pomini_2-2

Guido Pomini, prima col negozio Del Bo, poi con il negozio Marè, ha scritto una pagina importante del commercio trevigiano, posizionandosi, per marchi e scelta dei prodotti, rigorosamente Made in Italy, nella fascia alta del fashion e del luxury. Pioniere dell’e-commerce, nel pieno degli anni della crisi, ha lanciato la vendita on line e col sito www.marebeachware.com ha vestito donne in ogni parte d’Europa ed esportato il gusto della boutique trevigiana anche negli Stati Uniti. Il sito di e commerce rimane, così come l’impegno nella presidenza del Gruppo Federmoda, che porterà fino a fine mandato.

«Vedo un ritorno al bello, all’originale, un’attenzione particolare alla qualità. La mia clientela- afferma Guido Pomini- è una clientela adulta prevalentemente femminile  e devo dire che le donne hanno dimostrato di possedere un alto grado di digitalizzazione e apertura mentale. Sono consumatrici attente e moderne, comprano on line pur essendo fisicamente vicine, sanno confrontare i prezzi e cercano il capo originale. Soprattutto se si tratta di vacanza e tempo libero».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia al ritorno dalla discoteca, Alberto Antonello positivo alla cannabis

  • Donna viene investita da un'auto e muore: è caccia al pirata della strada

  • Troppo grande la sofferenza per la malattia: ex assessore comunale si toglie la vita

  • Scopre di avere un tumore, maestra d'asilo muore 5 giorni dopo

  • Travolto dal suo furgone mentre lo sta caricando, muore ambulante

  • Si era dato fuoco di fronte al "Per Bacco", muore dopo cinque giorni di agonia

Torna su
TrevisoToday è in caricamento