Decaduta la Rappresentanza Sindacale Unitaria dei lavoratori di Mom

La nota del sindacato SGB: «Il giorno 4 febbraio c'è stato un confronto tra delegati RSU e lavoratori durante un'assemblea organizzata dai lavoratori stessi, che hanno convocato i loro rappresentanti, per esprimere ancora una volta la disapprovazione per il loro "non" operato»

Un bus della Mom

Mercoledì 6 febbraio è ufficialmente decaduta dall'incarico la Rappresentanza Sindacale Unitaria dei lavoratori di Mobilità di Marca, l'azienda del trasporto pubblico Trevigiano. Il 21 dicembre scorso, al Presidente MoM G. Colladon e alla RSU stessa, un ampio gruppo di lavoratori al di sopra del 50% del totale della forza lavoro in MoM, ha consegnato una raccolta firme atta a dimostrare la contrarietà riscontrata sul lavoro dei rappresentanti sindacali negli ultimi due anni, non essendo stati in grado o non avendo voluto quest'ultimi, a quanto pare, soddisfare le aspettative o richieste dei loro iscritti e colleghi che ne hanno chiesto le dimissioni. Il giorno 4 febbraio c'è stato un confronto tra delegati RSU e lavoratori durante un' assemblea organizzata dai lavoratori stessi, che hanno convocato i loro rappresentanti, per esprimere ancora una volta la disapprovazione per il loro “non” operato.

Dall'altra parte invece il sindacato generale di base SGB (Rappresentanza Sindacale Aziendale), che sta avendo sempre più consensi da parte dei lavoratori per le tematiche promosse in azienda (tra le più importanti il riconoscimento del PDR, l’adeguamento delle indennità varie, i tempi di percorrenza ecc..), è protagonista di recenti azioni di protesta, solo come ultima, lo sciopero di martedì 5 febbraio scorso ottenendo ampia adesione da parte dei lavoratori, tant'è che MoM si è dimostrata disponibile ad incontrare il sindacato. E’ chiaro che, fa sapere SGB Trasporti, per sospendere lo stato di agitazione è indispensabile che l’azienda sia disposta ad erogare, anche solo come anticipo, una parte del “PDR”.  Per il giorno 13 febbraio invece il presidente MoM, vista la situazione delicata delle parti sociali e le difficoltà nel dover rapportarsi con esse, ha convocato le segreterie di tutte le compagini sindacali presenti in azienda (Cgil-Cisl-Uilt-Sgb-Ugl-Faisa), quest’ultime già impegnate nella stesura di un nuovo regolamento RSU condivisibile, nel tentativo di avviare un tavolo tecnico “ponte” in attesa delle votazioni e dell'insediamento della nuova RSU.

Il sindacato generale di base SGB

Potrebbe interessarti

  • Malattia incurabile: direttore dell'Interspar perde la vita a 41 anni

  • Trascinate dalla corrente: due sorelle rischiano di annegare nel Piave

  • Cane abbandonato sotto il ponte di Segusino: trovato il proprietario

  • Infarto fatale, panettiere stroncato a soli 48 anni

I più letti della settimana

  • Morto in mare a Jesolo: indagati due bagnini

  • Autostar vende a prezzo ridotto le auto danneggiate dal maltempo

  • Jesolo: trovato senza vita il ragazzo disperso in mare

  • Gita in pedalò, entra in acqua e non riemerge: disperso un 23enne

  • Trascinate dalla corrente: due sorelle rischiano di annegare nel Piave

  • Malore improvviso alla guida, auto si ribalta: marito e moglie in ospedale

Torna su
TrevisoToday è in caricamento