Salvini "diabolico", murales appare al "Ponte dea Goba"

L'opera di un artista, per ora ignoto, immortala il ministro degli Interni mentre bacia il crocifisso di un rosario con le corna sataniche

Il musales che raffigura Salvini

Un murales che immortala il ministro degli Interni, e leader della Lega, Matteo Salvini, che bacia il crocifisso di un rosario. Sulla testa due inequivocabili corna diaboliche. L'opera, di un artista che per ora ignoto, è stato realizzato nella notte lungo il sottopasso pedonale del Ponte dea Goba, lungo l'Alzaia. In mattinata in molti tra i passanti si sono soffermati ad osservare il murales. C'è anche chi ha postato la foto sul gruppo Facebook "La bella Treviso" ma è stata subito celermente rimossa. Ora sull'episodio indagano le forze dell'ordine che dovranno identificare il responsabile.

«Per quanto scontato, anche in considerazione delle numerose e spesso infondate considerazioni di questi giorni, ribadiamo che Anthropica non ha nulla a che vedere con l'opera né con l'anonimo autore -spiega Michele Zappia, presidente Festival Anthropica- Da anni lavoriamo con la pubblica amministrazione, sia con questa che con la precedente, in un percorso che consideriamo molto positivo e proficuo per noi e per la città in generale. Ad essere sinceri, se pur è vero che la satira ai potenti c'è fortunatamente sempre stata, avremmo quindi preferito che simili interventi fossero fatti altrove, onde evitare impropri accostamenti con il nostro lavoro! Buone vacanze!»

67643265_731288597327612_5531745756433612800_n-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Saluta il figlio, poi il tragico malore in casa: muore a 46 anni

  • Trovata cadavere Rosanna Sapori, giornalista «scomoda» del Nordest

  • Tragedia da "Ciao bei": aiuto cuoco muore per un malore

  • Malore improvviso in casa porta via alla vita Irene, 46enne madre di famiglia

  • Cadavere affiora dal Monticano, è il corpo di Marco Dal Ben

  • Blitz antidroga della polizia locale sui bus degli studenti del "Turazza"

Torna su
TrevisoToday è in caricamento