Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Trovare parcheggio in centro storico, dal primo luglio disponibile TrevisoApp

Sarà scaricabile gratuitamente dagli store di Apple e Google

 

Un nuovo strumento smart per trovare parcheggio e orientarsi in città: l’Amministrazione comunale di Treviso presenta TrevisoApp, applicazione per smartphone e tablet che offrirà la possibilità di essere guidati agli stalli liberi, verificare la disponibilità di aree dedicate al parcheggio e pagare la sosta. L’applicazione deriva dalla app “4PARK” multi-città ed è stata personalizzata dall’azienda veneta Intercomp per la Città di Treviso. Il nuovo servizio sarà disponibile per il download dagli store di Apple e Google a partire dal 1° luglio e guiderà gli utenti fino al posto libero nell’area desiderata grazie ad un navigatore integrato con Google Maps che permetterà pure di pagare la sosta mediante una TimeCard: una vera e propria rivoluzione del sistema della sosta in città, che sarà così più agevole e integrato con le funzioni degli smartphone e dei sistemi di navigazione delle automobili. 

TrevisoApp è stata progettata da Intercomp S.p.A. di Verona, la stessa azienda che ha ideato, brevettato e produce il sistema per la gestione della sosta a pagamento su strada Smart Parking Systems – iPark, installato ed in uso a Treviso dal 1° gennaio 2010. Questa utilizza la stessa base dati del sistema iPark ed è quindi integrata al 100% con i servizi già esistenti. Grazie all’integrazione con il sistema iPark, tutti gli utenti registrati potranno visualizzare su una mappa Google la disponibilità di posti liberi in tutte le vie del territorio comunale con un semplice zoom sulla mappa. I marker colorati forniranno così una macro informazione: selezionando poi gli indicatori nella via desiderata sarà possibile visualizzare il dettaglio dei posti liberi e attivare direttamente sulla mappa Google, la navigazione verso la via o la piazza selezionate.

WhatsApp Image 2019-06-05 at 14.56.17-2

Tramite la nuova App sarà possibile effettuare il pagamento di una sosta occasionale, senza necessità di registrazione da parte dell’utente, utilizzando la propria carta di credito per il pagamento. Inoltre, registrandosi con una semplice procedura guidata, gli utenti avranno la possibilità di abilitare e ricaricare una TimeCard virtuale, utilizzabile per il pagamento della sosta a tempo, attivando e disattivando il pagamento all’inizio e alla fine della sosta. TrevisoApp sarà in grado di gestire più titoli di pagamento. A titolo esemplificativo, un utente potrà disporre di una o più TimeCard utilizzabili per il pagamento della sosta di più veicoli, un abbonamento “Residente” ed un abbonamento “Operatore” per lo stesso account: uno studio medico o un professionista potrà dunque utilizzare TrevisoPark con più TimeCard per offrire il pagamento della sosta ai propri pazienti o clienti. Questi dovranno poi comunicare soltanto il numero di posto auto occupato dal proprio veicolo. Si tratta del primo dei tanti obiettivi raggiungibili con TrevisoApp: attraverso l’utilizzo di un sistema così flessibile l’Amministrazione comunale potrà erogare con più facilità servizi utili ai cittadini, rispondendo repentinamente alle necessità sociali e mostrando grande vicinanza alla popolazione.

Gli utenti residenti o con una attività commerciale in centro, potranno avere un abbonamento e una (o più) TimeCard, per sostare nelle aree abilitate agli abbonati e nelle aree centrali a sola rotazione dove gli abbonamenti non sono ammessi. In particolare, a partire dal 1° luglio sarà introdotta la TimeCard mentre, in un secondo momento, saranno disponibili gli abbonamenti Residenti ed Operatori con possibilità per l’Amministrazione di abilitare in accordo con il Gestore del servizio altri tipi di abbonamento.  Tutti gli utenti abbonati di Treviso, potranno utilizzare TrevisoApp per registrare la sosta, invece delle attuali smartcard al parcometro o l’invio di messaggi SMS. Tutti gli attuali abbonati potranno richiedere via SMS un codice per associare l’abbonamento esistente a TrevisoApp, con le modalità che saranno comunicate nelle prossime settimane.

«TrevisoApp rappresenta un altro passo verso la rivoluzione della mobilità voluta dalla nostra Amministrazione», le parole del sindaco Mario Conte. «Grazie all’ottimo lavoro del Vicesindaco De Checchi, la Città sta vedendo prendere forma progetti in grado di migliorare sensibilmente il modo di concepire gli spostamenti in centro e nei quartieri, oltreché di rendere la ricerca dello stallo meno stressante per gli automobilisti che devono raggiungere uffici e attività produttive». «Ci troviamo dinnanzi al primo vero provvedimento rivoluzionario in materia di sosta», afferma il vicesindaco Andrea De Checchi. «Nel tempo questa applicazione renderà più efficiente e veloce la circolazione delle auto in città. Crediamo inoltre che questo sia il primo tassello per arrivare alla valorizzazione del tessuto economico cittadino attraverso la possibilità di azzerare il costo dei parcheggi per chi effettua acquisti». «TrevisoApp permetterà a Treviso di confermarsi Smart City a tutti gli effetti, con servizi utilissimi a portata di smartphone», aggiunge l’assessore alle Politiche Ambientali e Smart City Alessandro Manera. «Fra l’altro, una ricerca più semplice della sosta andrà ad incidere concretamente sull’ambiente, visto che, con la migliore distribuzione del traffico, comporterà anche una riduzione dell’inquinamento ottimizzando allo stesso tempo il tragitto degli utenti. Inoltre, l’applicazione verrà integrata con altri servizi molto importanti come il wi-fi e altre utilities in grado di stabilire un collegamento diretto fra Amministrazione e cittadino».

IMG-8258-2-2

Potrebbe Interessarti

  • Nei guai mentre cerca di attraversare il Piave: 30enne salvato dall'elisoccorso

  • Camion si incendia in autostrada: mezzo devastato dalle fiamme

  • Torte in faccia al pubblico: Steve Aoki infiamma lo Street Food Festival

  • Iris fa nascere 5 gattini in auto: si cerca una famiglia che li adotti

Torna su
TrevisoToday è in caricamento