Poste italiane, gli interventi per i piccoli comuni della Marca

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

In 33 Uffici Postali in cui è stato installato il Wi-Fi gratuito; due gli uffici postali nei quali sono state abbattute le barriere architettoniche (Chiarano e Ormelle): sono questi gli interventi realizzati nei primi 7 mesi del 2019 da Poste Italiane nei 29 piccoli comuni della provincia di Treviso. A questi interventi si aggiungono i 19 paesi interessati dal progetto “decoro urbano”, con il restyling delle cassette rosse: Cappella Maggiore, Castelcucco, Cessalto, Cimadolmo, Cison, Crespano, Follina, Gorgo, Miane, Monastier, Morgano, Moriago, Paderno, Revine, San Polo, Segusino, Tarzo, Vidor e Zenson. Diviene sempre più concreto, in questo modo, il programma dei “dieci impegni” per i Comuni italiani con meno di 5.000 abitanti promosso dall’Amministratore Delegato, Matteo Del Fante, in occasione dell’incontro con i “Sindaci d’Italia” dello scorso 26 novembre a Roma, e ribadisce la presenza capillare di Poste Italiane sul territorio e l’attenzione che da sempre l’Azienda riserva alle comunità locali e alle aree meno densamente abitate.

Tale programma, che è ancora in corso e prevede ulteriori interventi nei prossimi mesi, ha definito l’avvio di un nuovo dialogo e di un confronto aperto che avvicina ancora di più Poste Italiane, i territori e le comunità locali; un percorso fatto di impegni reali, investimenti, nuovi servizi e opportunità concrete per la crescita economica e sociale del Paese. L’effettiva realizzazione di tali impegni è consultabile su un portale web dedicato all’indirizzo www.posteitaliane.it/piccoli-comuni. L’attenzione verso i Piccoli Comuni conferma ancora una volta il ruolo di Poste Italiane, capace, con i suoi 157 anni di storia, una rete di circa 13.000 Uffici Postali, 134 mila dipendenti, 514 miliardi di euro di attività finanziarie totali e circa 35 milioni di clienti, di creare occupazione e sviluppo, di coniugare tradizione e innovazione, di essere parte integrante del tessuto sociale e produttivo del Paese e di rappresentare una realtà unica in Italia per dimensioni, riconoscibilità, capillarità e fiducia da parte dei cittadini.

Torna su
TrevisoToday è in caricamento