Treviso Sotterranea: presentato al pubblico il tour virtuale 3D di Porta San Tomaso

Ogni utente che accederà al sito dell'associazione potrà visitare gli spazi esterni ed interni della struttura, facendo un’esperienza immersiva con immagini ad alta definizione

Sabato, durante il convegno "Treviso, le mura della città - buone pratiche per un bene comune", tenutosi presso la Fondazione Benetton, l'Associazione Treviso Sotterranea ha presentato in anteprima il tour virtuale di Porta San Tomaso. Il lavoro è stato realizzato, su richiesta dell’Associazione Treviso Sotterranea e con la collaborazione dell’Amministrazione Comunale di Treviso, dallo studio veneziano ELAN42 digital communication.

Il team di ELAN42 ha realizzato un tour virtuale del monumento simbolo della città, grazie ad una tecnologia di ultima generazione che permette, attraverso la scansione dello spazio, di digitalizzare spazi e superfici ottenendo un modello digitale fruibile al pubblico in modo attivo. In poche parole, ogni utente che accede al sito di Treviso Sotterranea potrà visitare gli spazi esterni ed interni di Porta San Tomaso, facendo un’esperienza immersiva con una qualità dell’immagine ad alta definizione (36 Mega Pixel). Questa iniziativa è stata realizzata grazie alla disponibilità dell’Amministrazione Comunale di Treviso ma, soprattutto, al contributo economico dei soci di Treviso Sotterranea che hanno partecipato alle iniziative promosse dall’associazione e hanno permesso di reinvestire le risorse per far conoscere e valorizzare al meglio uno dei siti più importanti del patrimonio culturale della città di Treviso. Obbiettivo della realizzazione e condivisione con il pubblico del tour virtuale è rendere fruibile il bene culturale anche durante i periodi in cui Porta San Tomaso non è accessibile, così da poter condividere con il maggior pubblico possibile la bellezza e la storia di questo monumento. Questo progetto è il primo di una serie più ampia, con l’ambizione di creare un tour virtuale di tutte le mura di Treviso.

A questo proposito Treviso Sotterranea sta studiando la realizzazione di un piano che vorrebbe creare, nei prossimi anni, lungo la cortina muraria e non solo, un percorso virtuale che i visitatori possano fruire per scoprire il patrimonio storico e artistico della cinta muraria e degli ambienti ipogei di Treviso. "Siamo certi che questo sia uno strumento accattivante per stimolare la curiosità del pubblico portandolo poi a visitare dal vivo la nostra bella città permettendo, in particolar modo, di esplorare quindi valorizzare, anche quei luoghi non accessibili a tutti perché o raggiungibili solo dagli speleologi urbani o siti in proprietà privata. Il progetto, di ampio respiro, non potrà certo reggersi sulle sole forze dell’associazione ma ha bisogno dell’appoggio economico di soggetti esterni che condividano con essa il desiderio di proteggere e valorizzare il patrimonio storico artistico della città. Grazie a nuove tecnologie come quella utilizzata per il virtual tour di Porta San Tomaso, già utilizzate in importanti siti di interesse storico-artistico-culturale in altre città italiane, è possibile portare il nostro patrimonio culturale locale ad un pubblico più ampio ed internazionale così da aprire le porte della città di Treviso e le sue bellezze al mondo intero. E come noi abbiamo sempre sostenuto 'conoscere è il primo passo per proteggere'" dichiarano dall'associazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tumore incurabile, il sorriso di Giorgio De Longhi si è spento a 57 anni

  • Diabete e festività: come scegliere i cibi senza rinunce

  • Schianto contro un'auto mentre torna da lavoro, muore operaio 49enne

  • Picchia un bambino per rubargli la borsa della madre: panico fuori dall'asilo

  • Torna la neve a bassa quota: stato di attenzione nella Marca

  • Tumore incurabile, papà Fabio muore in pochi mesi a 51 anni

Torna su
TrevisoToday è in caricamento