A Treviso nasce il curriculum digitale per il giurista, per un nuovo 'Legal LinkedIn'

Digital Legal Portfolio (DLP): questo il nome del progetto ideato da Onireon ICT Consulting in sinergia con gli studenti di Giurisprudenza e i colleghi di Consulente del Lavoro dell'Università degli Studi di Padova

(credit Luciano Bragaggia)

TREVISO Una piccola rivoluzione nel mondo della ricerca del lavoro. Si può sintetizzare così la svolta che potrebbe portare nel settore legale il Digital Legal Portfolio (DLP), nuovo progetto innovativo ideato dalla Onireon ICT Consulting (fondata e diretta dal Dott. Luca Zanchetta) in sinergia con gli studenti di Giurisprudenza della sede di Treviso dell'Università degli Studi di Padova e i colleghi padovani di Consulente del Lavoro. I due gruppi, coordinati rispettivamente dal Prof. Paolo Moro e dalla Dott.ssa Letizia Mingardo (entrambi docenti di Metodologia e informatica giuridica), hanno difatti ampliato il progetto di un software che ha come obiettivo quello di posizionarsi nel mercato digitale come una sorta di "LinkedIn" per il giurista in erba, per il professionista già affermato o comunque per tutti coloro che quotidianamente hanno a che fare con l'ambito del diritto.

La base di tale progetto sarà comunque ancora una volta "Collect Ius", piattaforma telematica e interattiva (ideata e sviluppata nel 2015 dalla Onireon ICT Consulting e dal Prof. Moro, e realizzata poi con il contributo dei giovani studenti trevigiani) attraverso la quale alunni, studiosi, docenti e professionisti possono effettuare ricerche di dati, discutere casi pratici e creare un proprio archivio personale basato sui materiali contenuti nel sito www.collect-ius.net. Nello specifico, DLP consentirà all'utente di crearsi un secondo curriculum vitae rispetto a quello base (spesso ideato con il classico modello europeo), il quale sarà poi validato da altri utenti esperti del settore. Ogni pubblicazione, i singoli pareri giuridici, i feedback del pubblico e le skills proposte saranno così verificate alla radice e confermate di volta in volta, oltre che organizzate a monte in maniera sistematica, dando così al Cv un aspetto dinamico e prettamente settoriale per il mondo legale.

L'obiettivo è infatti quello di creare un luogo di scambio online per giuristi, laureandi e professionisti, anche per dimostrare l'importanza che al giorno d'oggi hanno nel mercato del lavoro le nuove professioni digitali giuridiche. Insomma, in definitiva DLP si prepone di formare gli aspiranti professionisti legali all’arte del personal branding, attraverso la redazione di un curriculum innovativo che sappia sfruttare le tecnologie informatiche. Il progetto, che si avvale dell'attività di consulenza e formazione della Onireon ICT Consulting, è stato approvato dal Dipartimento di Diritto Privato e Critica del Diritto dell'UniPd, in un'ottica anche di rilancio della sede trevigiana di Giurisprudenza che punta sempre più al futuro anche grazie al nuovo corso di Giurista Internazionale d'Impresa, per una università che guarda al contempo sia all'innovazione che alla didattica 2.0.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta con la Ferrari del papà il figlio di mister Nice

  • Camionista trovato morto nel parcheggio del centro commerciale Arsenale

  • Lutto nel mondo del Prosecco: Orfeo Varaschin muore a 50 anni

  • Cosa fare a Treviso e provincia nel weekend: tre giorni di feste e divertimento

  • Autotreno pieno di ghiaia si ribalta in strada: traffico in tilt

  • Camper sbanda e distrugge una balaustra del ponte di Vidor: gravi disagi al traffico

Torna su
TrevisoToday è in caricamento