Velox, multe saldate in ritardo: 2700 automobilisti costretti a pagare ancora

Succede a Castello di Godego dove chi ha preso una multa nel 2017 in via Caprera sta ricevendo in questi giorni gli avvisi bonari di pagamento con due anni di ritardo

Autovelox (Foto d'archivio)

Brutta sorpresa di Natale per quasi tremila automobilisti che, ormai due anni fa, avevano preso una multa a Castello di Godego senza pagarla nei tempi previsti. In questi giorni la polizia locale sta recapitato nelle loro case gli avvisi "bonari" per riscuotere le somme previste dalla legge relative al pagamento in ritardo delle sanzioni. Cifre che, in alcuni casi, raggiungono gli stessi prezzi della multa presa nel 2017.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come riportato da "La Tribuna di Treviso" molte di queste sanzioni si riferiscono all'autovelox di Via Caprera che, nel 2017, aveva registrato il numero da capogiro di 17.500 automobilisti sanzionati per eccesso di velocità. Tra questi, 2700 di loro avevano pagato la multa senza rispettare le scadenze previste e quindi la polizia locale si è trovata con multe pagate in forma ridotta nonostante fossero già trascorsi i 5 giorni di tempo per pagare con lo sconto, oppure con sanzioni pagate all'ultimo violando i 60 giorni di tempo. Tutte irregolarità che rischiano di costare una nuova pesante sanzione agli automobilisti "perseguitati" dalle multe. Proprio loro si sono infuriati dopo aver ricevuto gli avvisi della polizia locale a 2 anni di distanza dal fatto compiuto. Un ritardo dovuto, secondo i vigili, all'enorme carico di lavoro registrato negli ultimi anni. Un bando comunale ha dovuto affidare a una società esterna la riscossione delle multe non pagate o saldate in ritardo e così sono trascorsi velocemente 2 anni prima che gli automobilisti indisciplinati ricevessero questo nuovo avviso proprio a pochi giorni dal Natale. Per sistemare le pratiche, secondo la legge, i comandi di polizia locale hanno tempo 5 anni quindi difficilmente gli automobilisti potranno impugnare la nuova sanzione. Se la multa va a ruolo, per legge, la nuova sanzione può arrivare a raggiungere un interesse del 20% per ogni anno che passa. In molti casi dunque le nuove sanzioni per le multe pagate in ritardo avranno lo stesso valore della multa originaria. Una vera beffa per i cittadini. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

Torna su
TrevisoToday è in caricamento