Allarme per i cani a catena, 450 quelli liberati dalle guardie zoofile

Da quando è diventata illegale questa pratica è risultata la principale materia di segnalazione all'Oipa da parte dei cittadini di tutto il Veneto

Un simpatico cagnolino

Cani costretti a vivere con una catena fissa al collo, senza la possibilità di muoversi liberamente, senza poter esplorare neanche il giardino della propria abitazione, condannati ad una vita da prigionieri: sono più di 450 gli interventi di liberazione e relativa sanzione che le guardie zoofile dell’OIPA hanno effettuato nella regione Veneto a partire dal 2015 grazie all’aggiornamento della legge regionale effettuato nel 2014 che, in una grande conquista di civiltà, introdusse il divieto dei cani a catena. Le guardie zoofile dell’OIPA grazie alle molte segnalazioni ricevute dai cittadini sono potute intervenire così in moltissimi casi di cani che, vivendo all’esterno dell’abitazione sempre o solo in assenza dei proprietari, subivano questa forma di detenzione gravemente lesiva del loro benessere, oltre che turbare la sensibilità degli osservatori: proprio come sottolineato dalle guardie dell’OIPA, infatti, da quando è diventata illegale questa pratica è risultata la principale materia di segnalazione da parte dei cittadini di tutto il Veneto.

Le guardie zoofile dell’OIPA, che in qualità di polizia amministrativa e di polizia giudiziaria svolgono un servizio di vigilanza volta alla prevenzione e alla repressione di atti di maltrattamento degli animali o di infrazioni relative ai regolamenti locali e regionali in collaborazione con le forze dell’ordine e degli enti preposti, hanno operato in questi anni sulle provincie di Belluno, Treviso, Padova, Venezia, Verona e Vicenza, scoprendo che nella maggior parte dei casi la catena risulta un escamotage per impedire all’animale di fuggire da recinzioni inadeguate e non a norma.

«La detenzione di un cane a catena è di fatto una condizione crudele oltre che inadeguata: essa non garantisce la soddisfazione delle esigenze etologiche di base, impedendogli un movimento libero ed è spesso l’inizio di una condizione che sfocia poi in forme di maltrattamento e sofferenze fisiche -dichiara Andrea Zamengo, coordinatore regionale per il Veneto delle guardie zoofile dell’OIPA- Tutti questi interventi, a cui hanno seguito liberazioni, sanzioni ma anche sequestri, sono stati resi possibili dall’articolo 3, comma 2 bis della legge regionale 60/1993, che ad oggi ha permesso di salvare più di 400 cani da queste condizioni».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una conquista di civiltà e di rispetto per gli animali che ora è minacciata dalla nuova proposta di legge in materia di animali, che andrebbe a sostituire quella vigente, che sarà discussa in consiglio regionale dopo le elezioni europee, e che rappresenta un passo indietro, rendendo di fatto ancora possibile la detenzione a catena. L’OIPA, insieme ad altre associazioni di protezione animali e al consigliere regionale Andrea Zanoni, hanno proposto alcune modifiche volte alla maggiore tutela degli animali e del loro benessere, anche attraverso incontri di confronto con la cittadinanza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grandine e temporali, la Marca nella morsa del maltempo

  • Folle lite a Cornuda, il proprietario di casa aveva ucciso la madre da giovane

  • Nuovi contagi da Coronavirus nella Marca: in tre positivi al test sierologico

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Travolta sulle strisce pedonali, anziana ricoverata in rianimazione

Torna su
TrevisoToday è in caricamento