Nuove telecamere in arrivo per smascherare chi abbandona i rifiuti in strada

Ad annunciarlo è stato Alessandro Righi, sindaco di Motta di Livenza. I due progetti del valore di 28 mila euro verranno finanziati al 50% dalla Regione e al 50% da Savno

Eco furbetti avvisati. Nelle scorse ore il Comune di Motta di Livenza si è posizionato in graduatoria utile nei due bandi regionali per la videosorveglianza delle piazzole ecologiche e dell’abbandono rifiuti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I due progetti pari a 14 mila euro ciascuno verranno finanziati al 50% dalla Regione Veneto e al 50% da Savno. Nei prossimi mesi quindi verrà implementato il sistema di videosorveglianza cittadino con altre telecamere installate all’interno del nuovo card e nell’area esterna. Verranno inoltre acquistate 5 videocamere fototrappola mobili per reprimere l’abbandono di rifiuti nel territorio comunale. «Ricordo - commenta il sindaco Alessandro Righi - che gettare i propri rifiuti domestici nei cassonetti è equiparato ad abbandono di rifiuti ed è un reato perseguibile. Stiamo inoltre predisponendo un piano pluriennale per la sostituzione degli attuali cestini pubblici, molti vetusti, con nuovi antiabbandonorifiuti e dotati di posacenere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Misteriosa scia luminosa solca i cieli tra le province di Treviso e Venezia

  • Famiglia Zoppas in lutto: morto a soli 55 anni il noto manager Marco Colognese

  • Sparisce di casa andando a fare la spesa: ritrovato nella notte

  • Finisce in acqua mentre gioca in giardino, bimba di due anni muore annegata

  • Coronavirus, oltre 10mila contagi in Veneto: cinque morti nella Marca

  • Male incurabile, addio a Lorenza Pampagnin: anima del commercio locale

Torna su
TrevisoToday è in caricamento