Ponte di Vidor, il ministero alla provincia: "Arrangiatevi"

Duro atto d'accusa del presidente Stefano Marcon: "Dobbiamo intervenire valutando le priorità con i pochi fondi destinati agli oltre 1.200 chilometri di strade e circa 300 ponti di competenza"

VIDOR “Sono esterrefatto -è lo sfogo del Presidente della Provincia Stefano Marcon dopo la lettera ricevuta dal Ministero della Infrastrutture- praticamente, ci vengono a dire arrangiateviI! La Provincia presenta il piano di manutenzione straordinaria e messa in sicurezza del Ponte di Vidor a seguito del monitoraggio richiesto dal Ministero stesso, e questi rispondono che dobbiamo intervenire valutando le priorità con i pochi fondi destinati agli oltre 1.200 chilometri di strade e circa 300 ponti di competenza. Ricordo che quest’anno (2018) a fronte di un finanziamento stanziato di 1.497.000 euro, abbiamo effettuato e stiamo effettuando manutenzioni ordinarie – regolarmente rendicontate – per asfaltature, consolidamenti, sfalci e segnaletica stradale. Se ora il Ministero, mi chiede di impegnare i 3 milioni 560mila euro annui per il quinquennio 2019-2020 destinando complessivi 12 milioni per l’intervento straordinario e pur necessario, esclusivamente al Ponte di Vidor, il MIT mi deve anche dire dove reperire tutte le risorse necessarie per poter intervenire nelle strade e sui ponti che mi spettano per competenza in via ordinaria, senza contare i  milioni di euro che mi abbisognano per gli interventi straordinari. Per la responsabilità di garantire una sola infrastruttura dovrei abbandonare ogni altro intervento su tutte le altre strade e gli altri ponti? Una attenta e seria valutazione dell’analisi fatta può far capire che le risorse ordinarie disponibili non possono essere sufficienti a garantire il basilare servizio della sicurezza stradale; il Ministero deve prendere in considerazione la concessione di un apposito finanziamento straordinario per l’esecuzione degli interventi necessari per la manutenzione e consolidamento del ponte e finalizzati a garantire la sicurezza. Ben venga la neonata Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Infrastrutture appena annunciata dal Ministro con i nuovi 245 ingegneri che verranno assunti per le verifiche a campione, ben venga l’istituzione di una Banca Dati unica nella quale confluiranno le segnalazioni degli Enti per tenere sorvegliato in tempo reale lo stato delle opere, ma forse – chiosa Marcon – a volte, basterebbe che gli uffici del MIT prendessero in serio esame le lettere inviate dai Sindaci e dai Presidenti delle Province".  

"In qualunque lingua io scriva -conclude Marcon-  Roma sembra non capire. Provo con un cirillico da Google sperando in maggior fortuna e quindi riepilogo: для обычного обслуживания 1200 километров провинциальных дорог и более 300 мостов потребуется не менее 6 миллионов в год, и мы получаем только около 3500; для Моста Видора 12 миллионов необходимы для консолидации и около 40 миллионов для строительства нового моста. Traduzione: per manutenzione ordinaria dei 1200 chilometri di strade provinciali e degli oltre 300 ponti servirebbero almeno 6 milioni l’anno e ne riceviamo solo 3 milioni 500mila euro circa; per il Ponte di Vidor sono necessari 12 milioni per il consolidamento e circa 40 milioni per la costruzione del nuovo ponte. I miei cittadini lo devono sapere”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camionista trovato morto nel parcheggio del centro commerciale Arsenale

  • Cosa fare a Treviso e provincia nel weekend: tre giorni di feste e divertimento

  • Si schianta con la Ferrari del papà il figlio di mister Nice

  • Lutto nel mondo del Prosecco: Orfeo Varaschin muore a 50 anni

  • Autotreno pieno di ghiaia si ribalta in strada: traffico in tilt

  • Camper sbanda e distrugge una balaustra del ponte di Vidor: gravi disagi al traffico

Torna su
TrevisoToday è in caricamento