Il consorzio della Docg: la grandine ha interessato quasi il 10% dei vigneti

Interessate in modo più o meno intenso alcune aree di Vidor, Valdobbiadene, Farra di Soligo, Miane, Follina, Cison di Valmarino e Tarzo

Le colline del prosecco

Il Consorzio di Tutela del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Docg, a seguito degli episodi di forti piogge e grandine che si sono abbattute sui vigneti in alcune zone della Denominazione nelle giornate del 26 aprile e del 3 maggio 2019, di concerto con le associazioni di categoria e i rappresentanti competenti della Regione Veneto, ha effettuato una prima mappatura e delimitazione delle aree in cui le colture hanno subito danni. Dall’analisi effettuata si è constatato che l’area interessata dalla grandine rappresenta l’8-10% dell’intero territorio vitato, circa 800 ha su un totale di oltre 8.000 ettari. Tali eventi hanno interessato in modo più o meno intenso alcune aree di Vidor, Valdobbiadene, Farra di Soligo, Miane, Follina, Cison di Valmarino e Tarzo. Il Consorzio di Tutela ha pertanto presentato ai competenti uffici della Regione del Veneto e all’AVEPA la richiesta di sopralluogo e delimitazione dell’area danneggiata e la quantificazione dei danni subiti con eventuale riduzione di resa delle aree interessate.

Potrebbe interessarti

  • Malattia incurabile: direttore dell'Interspar perde la vita a 41 anni

  • Trascinate dalla corrente: due sorelle rischiano di annegare nel Piave

  • Cane abbandonato sotto il ponte di Segusino: trovato il proprietario

  • Infarto fatale, panettiere stroncato a soli 48 anni

I più letti della settimana

  • Choc anafilattico dopo la pizza con gli amici: Maria Vittoria muore a soli 12 anni

  • Schianto fatale tra moto e camion: muore un centauro di 27 anni

  • Malattia incurabile: direttore dell'Interspar perde la vita a 41 anni

  • Gita in pedalò, entra in acqua e non riemerge: disperso un 23enne

  • Esce a tagliare l'erba: operaio del Comune trovato morto in strada

  • Jesolo: trovato senza vita il ragazzo disperso in mare

Torna su
TrevisoToday è in caricamento