Villa Emo venduta a un privato: Credito trevigiano accetta l'offerta

Il consiglio d'amministrazione del banca trevigiana ha fatto sapere di aver accettato nelle scorse ore l'offerta del facoltoso cittadino, intenzionato ad acquistare la villa palladiana

Villa Emo a Fanzolo di Vedelago

Il consiglio d'amministrazione del Credito Trevigiano ha annunciato in queste ore di aver accettato l’offerta di acquisto di Villa Emo, proposta nelle scorse settimane da un facoltoso privato, grande estimatore delle opere di Palladio.

La vendita riguarda il solo edificio storico di Villa Emo e non le adiacenti strutture, attualmente occupate dalla banca. Il consiglio di amministrazione, dopo un’attenta valutazione, ha deciso di proseguire nel processo di vendita dando il via libera alle attività propedeutiche alla due diligence di tipo tecnico per giungere all’eventuale chiusura della transazione entro l’anno 2019. L’acquisto di Villa Emo da parte del Credito Trevigiano, risalente al 2004 e riconducibile ad una precedente gestione dell’Istituto bancario, era stato deciso per scongiurare le ipotesi di acquisto che avrebbero potuto procurare un grande danno al valore storico del complesso. Il Credito Trevigiano ha svolto in questi anni un ruolo di garanzia verso questo immobile, pur non costituendo la villa un asset strategico nell’attività bancaria, sostenendone tutti i costi per il mantenimento dell’edificio storico, ristrutturazioni e restauri inclusi, di cui la villa ha necessitato negli anni e supportandone, ove possibile, le attività e le iniziative promosse dalla Fondazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lo scopo del consiglio di amministrazione è quello di proseguire il rafforzamento patrimoniale della banca e, in parallelo, garantire che la villa possa conservare il proprio splendore attraverso le ulteriori opere di ristrutturazione e restauro di cui l’istituto non poteva più farsi carico, interventi invece previsti dal nuovo acquirente. Dalla vendita dell’immobile, il Credito Trevigiano registrerà un beneficio patrimoniale rilevante, un incremento positivo che si rifletterà sulla crescita degli impieghi sul territorio, in una prospettiva di maggior aderenza con la vocazione dell’Istituto di credito verso i propri clienti e soci e di maggior autonomia prospettica nel gruppo di appartenenza, in coerenza con il piano industriale 2019-2021 approvato dal Consiglio di Amministrazione della Banca. L'offerta del privato cittadino per villa Emo è stata l'unica manifestazione di interesse, sia privata che pubblica, per aggiudicarsi il prestigioso edificio storico a Fanzolo di Vedelago. Nessun altro acquirente si è fatto avanti in queste settimane e così il cda ha deciso di procedere alla vendita dell'immobile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il Friuli Venezia Giulia la regione che resta di più a casa

  • Supermercato troppo affollato, scatta la chiusura per cinque giorni

  • Coronavirus, ecco tutti i check-point per la consegna delle mascherine della Regione

  • Coronavirus, scomparso storico commerciante di ricambi d'auto

  • Coronavirus, addio al maestro di sci Silvio Baratto

  • Coronavirus, ecco l'elenco di tutte quelle attività che restano aperte post Decreto

Torna su
TrevisoToday è in caricamento